Povertà: Coldiretti, con -20% di sprechi si sfamerebbero 8 milioni di persone


Riducendo di appena il 20% gli sprechi di cibo degli italiani sarebbe possibile dar da mangiare adeguatamente agli 8 milioni di poveri che fanno fatica a mettere insieme il pranzo con la cena. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare le anticipazioni del Rapporto 2011 su povertà ed esclusione sociale in Italia della Caritas, dal quale emerge che sono 8,3 milioni i cittadini che vivono in povertà, pari al 13,8% della popolazione. In Italia a causa degli sprechi dal campo alla tavola viene perso cibo per oltre 10 milioni di tonnellate che – sottolinea la Coldiretti – equivale ad un valore annuale di ben 37 miliardi di euro, in grado di garantire l’alimentazione a ben 44 milioni di persone. Con il diminuire del livello di reddito aumenta notevolmente l’incidenza della spesa alimentare che – continua la Coldiretti – raggiunge il valore più elevato proprio nelle famiglie più povere per le quali rappresenta spesso la prima voce di spesa. Una razionalizzazione della filiera alimentare con un taglio agli sprechi potrebbe contribuire in modo determinante a risollevare molte famiglie dalla povertà, come dimostrano le numerose iniziative adottate negli ultimi anni. Si stima infatti – conclude la Coldiretti – che almeno 15 milioni di pasti saranno distribuiti gratuitamente nel 2011 dalla Chiesa attraverso le diverse iniziative di solidarietà dei fedeli, per contribuire ad affrontare le nuove povertà nell’anno della crisi. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.