Prezzi: Cia, regolare per legge i rapporti tra agricoltori e Gdo


Mercoledì 11 gennaio la Cia presenterà una proposta per una legge nazionale di iniziativa popolare che regoli i rapporti tra agricoltura e grande distribuzione organizzata. Ad imporlo, spiega la confederazione, è l’attuale situazione caratterizzata da prezzi dal campo alla tavola che lievitano del 900%, agricoltori sul baratro e consumatori costretti ad acquisti al discount. Ma le colpe non possono essere imputate esclusivamente alla grande distruzione organizzata, anch’essa attraversata da mille problemi; per questo occorre individuare le cause e trovare delle soluzioni adeguate. A questo proposito la Cia ricorda che in molti paesi Ue, come Francia, Germania, Regno Unito e Spagna, si è attivata da tempo una regolamentazione per organizzare al meglio la filiera agroalimentare, rendere più chiari i meccanismi di formazione del prezzo ed evitare speculazioni ed eccesso di posizioni di ‘monopolio’. D’altra parte in Italia la concentrazione di quote di mercato in mano a pochi gruppi sta causando delle restrizioni alla concorrenza, con effetti negativi su qualità dell’occupazione, protezione ambientale e consumatore finale. Il processo di limitazione della domanda a un numero molto esiguo di centrali d’acquisto e il permanere di una moltitudine di fornitori costituiti da piccole e medie imprese, conclude la Cia, ha determinato una situazione di profondo squilibrio nelle relazioni commerciali tra venditori e distributori.

Tags: , , ,

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.