Prezzi: l’indice Fao del prezzi in rialzo del 6% a luglio


Dopo tre mesi in ribasso l’Indice Fao dei prezzi alimentari nel mese di luglio e’ salito del 6 per cento. L’Indice, che misura il cambiamento mensile dei prezzi internazionali di un paniere di prodotti alimentari di base, ha registrato una media di 213 punti, un aumento di 12 punti rispetto a giungo scorso, ma pur sempre al di sotto del picco di 238 punti raggiunto nel febbraio 2011. Il brusco balzo in avanti e’ stato per lo piu’ dovuto al rialzo dei prezzi delle granaglie e dello zucchero, mentre i prezzi della carne e dei prodotti latteo-caseari non hanno subito forti variazioni. Nel mese di luglio l’Indice Fao dei prezzi cerealicoli ha registrato 260 punti, un aumento di 38 punti, vale a dire del 17 per cento rispetto a giugno scorso, 14 punti meno al picco storico di 274 punti raggiunto nell’aprile 2008. Nel mese di luglio le deteriorate prospettive della produzione di mais negli Stati Uniti, causate dai danni della prolungata siccita’, hanno spinto al rialzo i prezzi del mais di quasi il 23 per cento. Anche le quotazioni internazionali del grano sono salite del 19 per cento e sono peggiorate le prospettive nella Federazione Russa, con le aspettative di una domanda stabile di grano sostenute dalla ristrettezza dell’offerta di mais. I prezzi internazionali del riso sono invece rimasti per lo piu’ invariati, con l’Indice FAO stabile a 238 punti, vale a dire solo un punto in rialzo rispetto al mese di giugno. Il mese di luglio ha anche registrato un incremento abbastanza marcato dell’Indice Fao del prezzo dello zucchero, che e’ schizzato del 12 per cento, vale a dire 34 punti rispetto a giugno, raggiungendo il nuovo livello di 324 punti.
Il rialzo, che ha posto fine ad un trend al ribasso ininterrotto da marzo, e’ stato innescato da piogge premature in Brasile, il piu’ grande esportatore mondiale di zucchero, che hanno parzialmente compromesso il raccolto di canna da zucchero. Hanno contribuito anche le preoccupazioni riguardo il ritardo del monsone di India e le scarse piogge in Australia. L’Indice Fao del prezzo della carne ha invece registrato nel mese di luglio una media di 168 punti, un ribasso dell’1,7 per cento, 3 punti rispetto a giugno, un calo per il terzo mese consecutivo. Una debolezza dei mercati ha caratterizzato i quattro settori principali della produzione di carne, in particolare la produzione suina, che ha registrato un calo del 3,6 per cento. I prezzi dei prodotti latteo-caseari dopo 5 mesi consecutivi di ribassi, sono invece rimasti invariati rispetto al mese di giugno, registrando una media di 173 punti. (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.