Psr 2014-2020: Garagnani, fondi agli agricoltori e non a sovrastrutture

mais 4“L’annata iniziata decisamente male – con abbondanti precipitazioni e temperature assai basse fino a primavera inoltrata che hanno generato semine molto tardive – in realtà si è conclusa con qualche risultato positivo, soprattutto per il grano e per l’orzo che hanno raggiunto produzioni e prezzi soddisfacenti. Buona è stata anche l’annata produttiva del mais, molto penalizzata però dal prezzo mondiale assai basso. Grandi soddisfazioni di prezzo e produzione le ha date la barbabietola da zucchero mentre indubbie criticità hanno precluso la stagione della soia (produzione assai limitata) e del girasole (prezzo incredibilmente basso). Il 2013 del settore lattiero-caseario, invece, è stato caratterizzato dal prezzo alto del latte spot insieme a una buona tenuta di mercato del latte da formaggio (parmigiano reggiano, grana padano e provolone). Da rilevare inoltre che gli ultimi mesi dell’anno hanno visto la definizione e successiva approvazione dei nuovi piani produttivi pluriennali del Consorzio del Parmigiano Reggiano e del Grana Padano. Infine nel settore suinicolo si è registrato l’ennesimo periodo negativo”. Sono i primi commenti all’annata agraria 2013 del presidente di Confagricoltura Emilia Romagna, Guglielmo Garagnani, che in merito alla futura programmazione del Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 ha voluto sottolineare: “Se il primo pilastro della Politica Agricola Comunitaria, come oramai è chiaro a tutti, genererà soltanto nuovi vincoli e nessuna vera politica di settore, presidieremo con il coltello tra i denti ogni tavolo, affinché i fondi del secondo pilastro (PSR) arrivino il più possibile agli agricoltori e a nessun altro”
“Gli aiuti comunitari – è questo l’auspicio del presidente di Confagricoltura Emilia Romagna – dovrebbero favorire le aziende agricole, anche attraverso lo sviluppo di reti d’impresa e filiere produttive agroalimentari; accompagnare la creazione di mercato; concorrere alla realizzazione di aziende più strutturate e specializzate. Essere, in sintesi, il motore dell’innovazione. E invece rischiano di portare nuova linfa a sovrastrutture come gli Enti e i Consorzi di Bonifica che hanno, tra i principi fondanti, il compito di tutelare la sicurezza nazionale e che proprio per questo motivo dovrebbero essere finanziati con fondi statali”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.