Quando il mangiar sano diventa malattia

spesaDi bulimia e anoressia si è parlato già tanto, ma tra i disturbi dell’alimentazione è in forte crescita la cosiddetta ortoressia nervosa, ovvero l’ossessione del cibo salutare. La prima descrizione dettagliata della patologia comparve in una rivista di yoga, nel 1997. L’ortoressia colpisce soprattutto gli over 30, tende a essere più diffusa tra gli uomini e tra le persone di buon livello culturale ed è considerato un disturbo dell’alimentazione, anche se nasce da un buon intento: l’attenzione alla qualità del cibo che però a un certo punto dievnta esagerata affiancandosi ad un disordine ossessivo-compulsivo della personalità e l’ortoressico inizia mano a mano a scartare ogni cibo che considera «cattivo». Si inizia con l’escludere dalla propria alimentazione i cibi trattati con pesticidi o con qualsiasi additivo artificiale e, piano piano, i criteri di ammissibilità di un alimento diventano sempre più restrittivi. Alla fine l’ortoressico consuma il proprio pasto in solitudine (caratteristica comune anche all’anoressia e alla bulimia), si isola socialmente e arriva ad avere una dieta talmente povera da poter riportare gravi danni sul piano nutrizionale. Qualcuno è già morto di questa ossessione, tanto più pericolosa quanto più è difficile da identificare e diagnosticare. La linea di confine tra un atteggiamento sano e un atteggiamento patologico infatti è sottile, inizialmente impercettibile. E ciò che rende il disturbo così insidioso è proprio la sua apparenza buona: tutto nasce come un amore verso sé stessi e verso gli alimenti sani. Ma in realtà nasconde una psicosi e una negazione del cibo come piacere.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.