Quattro patteggiamenti per il Brunello taroccato

Quattro patteggiamenti, un rinvio a giudizio e un proscioglimento: con questi esiti si e’ conclusa l’udienza preliminare a chiusura dell’inchiesta sul Brunello di Montalcino ‘taroccato’, tagliato con uvaggi diversi dal sangiovese. La Procura di Siena aveva aperto un’indagine per verificare la conformita’ di alcune partite di vino al disciplinare del Brunello, che prevede che non vengano usate nella produzione uve diverse dal Sangiovese, e per stabilire se eventuali irregolarita’ fossero state nascoste da chi ha effettuato i controlli. La maggior parte dei 17 indagati aveva gia’ patteggiato o era stato processato con rito abbreviato e solo sei di loro sono comparsi questa mattina davanti al gup di Siena Monica Gaggelli. Il direttore del Consorzio del Brunello e responsabile dei controlli Stefano Campatelli ha patteggiato una pena di 16 mesi e l’ex presidente del Consorzio Baldassarre Filippo Fanti ha patteggiato una pena di un anno: erano accusati di concorso in falsita’ ideologica commessa da un pubblico ufficiale in atti pubblici. I due erano anche accusati di frode in commercio continuata e vendita di prodotti con segni mendaci in concorso con Lamberto Frescobaldi e Niccolo’ D’Afflitto, legale rappresentante ed enologo dell’azienda Castelgiocondo, che hanno patteggiato una pena rispettivamente di tre mesi e un mese, convertiti in pena pecuniaria. Rinviato a giudizio Giampiero Pazzaglia, legale rappresentante della societa’ Argiano, anch’egli accusato di frode in commercio continuata e vendita di prodotti con segni mendaci: la prima udienza e’ fissata per il prossimo 16 marzo. Paul Rudolf Harri, ex enologo dell’azienda Banfi, e’ stato invece prosciolto dall’accusa di false comunicazioni al pubblico ministero. (ANSA).

Un Commento in “Quattro patteggiamenti per il Brunello taroccato”

Trackbacks

  1. Quattro patteggiamenti per il Brunello taroccato | CookingPlanet

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.