Quote latte in Milleproroghe: i commenti

”Con l’approvazione in Senato dell’emendamento al ‘Milleproroghe’ che consente una nuova proroga al pagamento della rata relativa alle multe per le quote latte si e’ passato ogni limite”. Lo afferma il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Giuseppe Politi, definendosi”amareggiato da questo assurdo colpo di mano che mortifica lo stesso mondo agricolo”. ”Ancora una volta i furbetti sull’altare, gli onesti allevatori nella polvere – aggiunge Politi – Una vicenda veramente disgustosa. Si premia chi non ha rispettato la legge e si calpesta l’intero settore agricolo negando interventi fondamentali – quali il ‘bonus’ gasolio e interventi a sostegno dell’Associazioni allevatori e del bieticolo-saccarifero – per il futuro delle aziende”.
”Sembrano le prove generali per un condono tombale e gratuito. Una sceneggiata che si potrebbe definire grottesca se non fosse uno schiaffo a tutti gli italiani onesti”. Cosi’ commenta Confagricoltura l’approvazione dell’emendamento. ”Dalle garanzie entusiastiche di risoluzione totale del problema e di assoluto rigore verso chi non avesse rispettato il sistema di rateizzazione varato dall’allora ministro delle politiche agricole, Luca Zaia – prosegue Confagricoltura -, si e’ passati a una realta’ di rinvio perpetuo, che irride ogni regola e si traduce in una amara beffa per gli allevatori che a prezzo di sacrifici pesantissimi hanno onorato ogni impegno” . ”Gli italiani – aggiunge Confagri – devono aver ben chiaro che l’ammontare delle multe e’ gia’ stato anticipato alla casse europee con i soldi delle loro tasse e oggi questi soldi vanno a beneficio di pochi strafottenti privilegiati ai quali viene permesso di rimandare il pagamento di volta in volta, mentre non ci sono fondi per null’altro, dall’agricoltura alla ricerca, dalla Sanita’ alle forze dell’Ordine”.
”Una proroga delle multe sulle quote latte del tutto ingiustificata, che appare ancora piu’ grave se si considera che nello stesso provvedimento non sono stati al momento accolti importanti emendamenti di interesse agricolo sull’attività delle associazioni degli allevatori, sul gasolio e sul comparto bieticolo-saccarifero”. E’ quanto afferma invece la Coldiretti sottolineando che “non c’è alcuna motivazione per una ulteriore proroga del pagamento delle multe che di fatto danneggerebbe le aziende che hanno creduto nello Stato e si sono messe in regola affrontando duri sacrifici economici”.
”E’ stato, e’ ora e sara’ in futuro nostro interesse salvare le aziende che vogliono rientrare nelle regole per quanto riguarda tutta la vicenda delle quote latte. Abbiamo una proposta per chiudere definitivamente in modo sostenibile la questione. Ma non siamo per niente interessati alla proroga” – dichiara infine il presidente di Copagri, Franco Verrascina – ”Non e’ con le proroghe che si risolvono i problemi, tanto per il settore lattiero quanto per il resto dell’agricoltura italiana”.

3 Commenti in “Quote latte in Milleproroghe: i commenti”

  • miro scritto il 15 febbraio 2011 ammartedìTuesdayEurope/Rome 10:21

    ma,ma,l’Italia, le multe per lo splafonamento le doveva veramente pagare? lo splafonamento oltre le quote assegnate c’è stato veramente? era veramente necessario spingere le aziende
    ad indebitarsi per “mettersi in regola”? Domande alle quali chi protesta ora per le proroghe
    evita scentemente di dare risposte; Chissà perchè???
    ciao a turri Miro

  • Fabio G scritto il 15 febbraio 2011 pmmartedìTuesdayEurope/Rome 12:10

    restituire i soldi a chi li ha versati e far emergere la verità sulle quote latte per cancellare ogni sanzione attribuita agli allevatori perchè il latte non è mai stato prodotto, i dati sono certi e certificati!
    solo di questo ha bisogno il settore lattiero caseario per risollevarsi ed affrontare con serenità ed intelligenza le nuove sfide del mercato odierno; di danni ne sono stati fatti a sufficienza;
    le apa se ne possono anche andare al diavolo, hanno sprecato fiumi di denaro prendendosi meriti che non sono loro ma della imprenditorialità agricola che nonostante tutto ancora resiste!

  • miro scritto il 16 febbraio 2011 ammercoledìWednesdayEurope/Rome 10:01

    ben detto Fabio, ben detto! Condividominpieno la tua posizione e sono certo che la condivisione è della maggior parte di chi onestamente e con sacrificio tutte le mattine si alza a mungere le proprie vacche. Ciao a tutti Miro

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.