Quote latte: la protesta degli allevatori a Venezia


Tornano a manifestare gli allevatori per le quote latte. Alla vigilia della scadenza per il pagamento della prima rata delle multe, i produttori di latte sono scesi in strada per esprimere la loro protesta. Una folta rappresentanza dei Cobas Veneto e’ scesa a Venezia e ha raggiunto la sede della Regione Veneto per incontrare il presidente Luca Zaia, tra l’altro ex ministro dell’Agricoltura.
Sospendere il pagamento delle multe e attendere l’esito delle indagini dei carabinieri delle Politiche Agricole e Alimentari: questa la linea suggerita da Zaia agli allevatori.
Secondo i carabinieri infatti non tornano i conti sulla produzione di latte in Italia che, sulla base di analisi su dati dell’anagrafe bovina e dei libri genealogici, potrebbe non aver mai superata la quota produttiva assegnata al nostro paese. “Per prima cosa dobbiamo operare, tutti assieme, perche’ il 30 giugno non sia piu’ la data di scadenza per il pagamento della prima rata – ha affermato Zaia – e poi facciamo lavorare i carabinieri perche’ completino le indagini. Quando sapremo chi sono i colpevoli, con nomi e cognomi, allora vedremo chi deve pagare e chi no”. “In attesa di chiarimenti la questione va congelata: per le duemila aziende della legge 33 ma anche per le 23 mila stalle della legge 119 che hanno accettato la rateizzazione, perche’ se le cifre sono sbagliate neanche loro devono pagare. Lavoriamo assieme, non facciamo che questa diventi una guerra tra poveri, tutti dobbiamo chiedere il congelamento. Sosterremo questa richiesta e nel frattempo chiedo di protestare in maniera civile”. (AGI) Crc

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.