Raccolta tartufi: gli agricoltori vanno tutelati

Tutelare gli agricoltori che operano nelle zone svantaggiate garantendo loro quelle tutele necessarie ad impedire la perdita di reddito derivante da norme che penalizzano i gli agricoltori.
E’ quanto chiedono le associazioni di categoria Confagricoltura, Cia e Copagri dell’Emilia Romagna che respingono al mittente con forza ogni azione volta non solo a creare ulteriori vincoli burocratici alle imprese ma anche e soprattutto vincoli sui propri prodotti e sul proprio terreno da parte di soggetti terzi.
Una tensione nel comparto dei tartufi riesplosa in occasione della recente udienza conoscitiva Regionale, convocata dalla Commissione Assembleare Territorio e Ambiente su sollecitazione del mondo agricolo per conoscere il parere, degli agricoltori, in merito al Progetto di Legge Regionale sulla disciplina della raccolta, coltivazione e commercio dei tartufi.
Confagricoltura, Cia e Copagri, uniche associazioni presenti in rappresentanza del settore agricolo, hanno ribadito il ruolo e gli interessi dei produttori agricoli difendendo le imprese dal tentativo di privilegiare la lobby dei tartuficoltori a scapito di una categoria imprenditoriale che subisce da anni un’invasione di “campo” vedendo non solo disconosciuta la proprietà dei territori e dei prodotti ma, anche e soprattutto, subendo un grave danno economico.
E’ tempo, affermano i rappresentanti delle tre Organizzazioni, di dimostrare con atti concreti la volontà del legislatore di tutelare gli agricoltori e di favorire ed incentivare ogni momento di libero confronto collaborativo tra le parti volto a recuperare dal degrado le aree vocate del nostro territorio e favorire il loro rilancio: oggi si può anche pensare di sostituire nella ricca pianura un frutteto con una tartufaia coltivata, con un probabile vantaggio economico e con un, certamente importantissimo, vantaggio ambientale
Nel rivendicare la proprietà dei tartufi e il diritto di raccolta, le Associazioni degli agricoltori auspicano che il legislatore regionale accolga le richieste di procedure semplificate di riconoscimento e tabellazione delle aree tartuficole private senza porre alcun limite di superficie, rendendosi da subito disponibili a sottoscrivere con le Associazioni dei tartuficoltori specifiche convenzioni per regolare la gestione delle aree tartuficole presenti nelle proprietà private e la conseguente raccolta dei preziosi tuberi.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.