Rallenta la produzione agricola mondiale: i dati del rapporto Ocse-Fao

CAMPO DI GRANO E TREBBIA
La produzione agricola globale rallentera’ nel prossimo decennio, attestandosi a un tasso di crescita annuale dell’1,5% dall’attuale 2,1% ma i livelli di scorte alimentari saranno comunque sufficienti a soddisfare la domanda di cibo. E’ quanto emerge dal rapporto Ocse-Fao sulle prospettive dell’agricoltura per il 2013-2022 dove si e’ passata sotto la lente, in particolare, la situazione cinese, capace di quintuplicare la produzione tra il 1978 e il 2011 e di migliorare notevolmente la situazione sul fronte della fame. Ma anche la Tigre asiatica – sottolineano Fao e Ocse – rallentera’ la crescita produttiva causa dei crescenti limiti su risorse e lavoro rurale. In particolare i prossimi anni vedranno i Paesi in via di sviluppo giocare un ruolo crescente sia nel commercio mondiale sia in termini di produzione: il 57% dell’aumento produttivo di cereali giungera’ appunto dall’economie in via di sviluppo dove si stanno anche facendo importanti investimenti per efficientare le rese. Sempre i Paesi emergenti conteranno per l’80% della produzione di carne. Proprio carne e pesce saranno quelli che nei prossimi anni registreranno maggiori aumenti di prezzo, mentre per le commodity agricole lo scenario resta piu’ rassicurante. Sulla sicurezza alimentare sei prossimi anni continuera’ pero’ a pesare il problema della volatilita’ dei prezzi, avvisano Ocse e Fao. “In uno scenario – affermano – in cui le riserve di cibo nei Paesi a maggior consumo e produzione rimangono basse, il rischio della volatilita’ dei prezzi e’ amplificato. Una siccita’ di grandi proporzioni come quella sperimentata lo scorso anno, unita a basse riserve di cibo, potrebbe portare a un rialzo dei prezzi mondiali del 15-40%’’.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.