Reddito agricolo Ue: Ministro Martina, ciclo economico molto delicato

Aziende Agricole 1
“Voglio approfondire e non voglio sottovalutare le stime di Eurostat sul calo dei redditi in agricoltura. Non mi nascondo il fatto che siamo dentro ad un passaggio molto delicato per il ciclo economico dell’agricoltura italiana ed europea”. E’ il commento del Presidente Ue e ministro per le politiche agricole e alimentari, Maurizio Martina, al calo del reddito agricolo nel 2014, stimato oggi da Eurostat nell’1,7% per l’Ue28 e a -11,0% per Italia. “Credo – ha spiegato Martina – che il nostro lavoro debba rimanere concentrato su alcuni nodi di fondo: ossia la questione organizzativa, che si porta con sé la grande questione reddituale. Ossia capire come riorganizzare il settore, per elevare la possibilità di redditività dell’impresa agricola italiana, come internazionalizzare di più, come aggredire fino in fondo il grande tema generazionale, un elemento fondamentale di questo set di priorità”. Il ministro ha anche ricordato che “mentre gestivano la presidenza Ue sono stati introdotti alcuni elementi di novità nazionali molto importanti, come tutto il pacchetto di incentivi e di abbattimento del costo del lavoro, promosso ai primi di agosto con il progetto ‘Campo libero’. Progetto – ha proseguito – che ha segnato un poco la strada anche della legge di stabilità, perché abbiamo fatto degli interventi sul costo del lavoro in agricoltura che non si erano mai fatti. Mi auguro – ha concluso – che tutto questo possa essere utile anche per invertire i dati Eurostat”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.