Restano chiuse le miticolture del Golfo di Trieste

Le cozze raccolte nel Golfo di Trieste prima del 16 settembre – data in cui le miticolture sono state chiuse per la biotossina Dsp – non sono piu’ disponibili sui mercati di tutta Italia. Lo ha spiegato il responsabile dell’Unita’ operativa veterinaria igiene dell’Azienda sanitaria di Trieste, Maurizio Cocevari. ”Non c’e’ piu’ prodotto in giro – ha aggiunto – perche’ sarebbe marcio”. Dalle segnalazioni giunte all’Azienda sanitaria di Trieste dai vari istituti sul territorio nazionale, le regioni dove sono stati smerciati i molluschi negli scorsi giorni sono il Piemonte, la Valle d’Aosta, la Ligura e l’Emilia Romagna. Gli esami sulle acque compiuti a Trieste tra lunedi’ e martedi’ scorsi hanno intanto dato esiti positivi: secondo quanto ha riferito Cocevari, la situazione e’ peggiorata, la quantita’ della biotossina nei mitili e’ aumentata per cui le miticolture restano chiuse. Per riaprirle ci vorranno due esami negativi a distanza di almeno 48 ore l’uno dall’altro. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.