Ricca e residenziale, la pedecollina soffre il maltempo: le soluzioni della Bonifica

In Emilia c’è una fascia di comuni pedecollinari che, quando piove, è a rischio idraulico: le estese urbanizzazioni e l’abbandono delle infrastrutture idriche minori ha peggiorato le capacità di deflusso idrico del territorio. Ora c’è la soluzione proposta dal Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale e condivisa dal Comune di Quattro Castella, (dominio della famosa dinastia dei Canossa), che nei giorni scorsi ha approvato un programma di opere coerenti col suddetto piano. Il piano della manutenzione fa parte di uno studio sul rischio idrogeologico del territorio comunale, elaborato in accordo fra Regione, Provincia, Comune, Enìa e, appunto, Consorzio di Bonifica.“Il piano di manutenzione idraulica – precisa Andrea Tagliavini, sindaco di Quattro Castella – è importante poiché consente di programmare gli interventi sulla base della loro priorità: si interviene non per far fronte alle emergenze ma per prevenirle”.“Nel passato questo territorio antropizzato lo si difendeva dalle alluvioni con le pratiche patrimonio della civiltà contadina – spiega Marino Zani, presidente del Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale – oggi, siamo chiamati a lavorare anche con modellazioni matematiche e, come in questo caso, con un vero e proprio studio del rischio idraulico durato un anno intero”.
Una cerniera, quella del pedecollina, caratterizzata da una presenza residenziale diffusa di abitazioni e, anche, di elevato pregio ambientale.“Ecco – quindi, spiega Zani – l’importanza di un Piano con indicazioni progettuali e quella di un programma con interventi del valore di 65.000 euro già nel 2010 per la manutenzione idraulica del territorio”.“Alla base del piano – entra nel dettaglio il dirigente consortile Raffaele Monica – abbiamo svolto la lettura della morfologia della rete idrografica, dalla quale emergono le scelte per ottimizzare con la manutenzione le infrastrutture esistenti: attraverso la manutenzione, infatti, il rischio idraulico spesso può diminuire in maniera significativa, senza realizzare nuove costose opere.”Come mai avete scelto di far elaborare il progetto alla Bonifica?“Il Comune di Quattro Castella – risponde il sindaco Tagliavini – ha instaurato un proficuo rapporto di collaborazione con la Bonifica già dal 2000. Per dieci anni si è operato per prevenire allagamenti e dissesto idraulico attraverso interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Nel 2010 questo percorso si è evoluto grazie alle conoscenze acquisite con lo studio sul rischio idrogeologico e si è predisposto un piano che aumenta e razionalizza l’utilizzo delle risorse. Da un lato serviva la conoscenza del territorio e la competenza del Consorzio di Bonifica, dall’altro ci siamo rivolti anche ai tecnici degli enti locali ed ai soggetti pubblici e privati che si occupano di regimazione delle acque superficiali affinchè tutti gli interventi fossero nella stessa direzione”.
“Il Piano scaturisce dal rinnovo dell’accordo di collaborazione col Consorzio di Bonifica – gli fa eco Alessandra Rompianesi, assessore del Comune di Quattro Castella –. E, ora, c’è maggiore consapevolezza anche tra i cittadini della necessità di prevenire il dissesto del territorio dandosi le opportune priorità”.
CURIOSITA’ – Il canale: a volte alberato, altre no. Perché…
Curiosità dal Piano di manutenzione idraulica del Comune di Quattro Castella.
Come si gestiscono i rii e i canali di deflusso idrico-scolante nei territori di alta pinaura ?: “Se i canali sono arginati o addirittura sopraelevati rispetto al terreno, occorre mantenere sotto controllo lo stato vegetativo dell’alveo – spiega l’ingegner Raffaele Monica – : a parità di portata i livelli idrici saranno più contenuti, riducendo il rischio di tracimazione”. “Al contrario se i rii sono fortemente incisi è conveniente lasciare sviluppare la vegetazione per rallentare la velocità di deflusso e ‘trattenere’ la piena per avere minori tiranti idrici al colmo nei territori di valle”.
E per gestire le piene?
La piena non è gestibile con la regolazione delle chiaviche come in bassa pianura; qui occorre prevenire mettendo in atto anticipatamente attività virtuose per ridurre gli effetti a parità di piovosità; ad esempio sempre per trattenere la piena conviene costruire per lunghi tratti del corso d’acqua, piccole briglie (di legname) in sequenza, un’attività di ingegneria naturalistica che comporta un costo esiguo ed una notevole efficacia”.
A volte i vegetali invadono gli alvei…
“Sì. E’ per questo che nei corsi d’acqua posti a monte dei centri abitati è anche necessario rimuovere le essenze morte e quelle a rischio di schianto. Tale operazione viene effettuata costruendo briglie selettive (giganteschi pettini a rovescio) allo scopo di trattenere il materiale galleggiante che spesso va ad ostruire ponti e tubazioni di valle con immaginabili conseguenze”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.