Rifiuti: nel 2011 differenziata a 10 mln di tonnellate (35,5%)

Passo in avanti dell’Italia nella raccolta differenziata: nel 2011 sono state trattate quasi 10 milioni di tonnellate, con una percentuale nazionale pari al 35,5%, in crescita rispetto al 33,2 di un anno prima. Il valore di ‘intercettazione procapite’ nello scorso anno è stato pari a 186,8 kg annui, pari a +5% rispetto al 2010, anche se la produzione totale di rifiuti ha fatto segnare un calo dell’ 1,88%. A livello regionale svetta il Trentino Alto Adige per percentuale di riciclo, con il 74,6%, ma nella differenziata la palma se l’aggiudica la Lombardia, con quasi 2 milioni di tonnellate trattate. E’ quanto risulta al 2/o Rapporto sulla raccolta differenziata, realizzato da Anci e Ancitel, e presentato oggi a Roma dalla stessa Associazione dei Comuni e dal Conai, Consorzio nazionale imballaggi. A livello territoriale, informa il Rapporto, è il nord-est ad imporsi per percentuale di raccolta differenziata nel 2011, con il 51,7% sul totale (era 49% nel 2010); al secondo posto si classifica il nordovest con il 45,64% (42,32%), seguito dalle Regioni del centro (28,72% contro il precedente 26%) e, infine, il sud e le isole, con il 22,33% (18,76%). Ma sul fronte delle Regioni è la Lombardia la più operosa, che sfiora i 2 milioni di tonnellate l’anno, pari a oltre 222 kg l’anno; a seguire l’ Emilia Romagna (poco più di 1,5 milioni di tonnellate e ben 336,5 kg di raccolta pro capite) e il Veneto (1 milione, 250 kg). La composizione della raccolta differenziata vede al primo posto, informa il rapporto, la frazione umida (35,5%), seguita dalla carta (26,6%), vetro (11,4%) e multimateriale (10%). Le Regioni del Nord si impongono anche sul capitolo ‘riciclo’, che tiene conto di norme di settore che hanno recepito una Direttiva Quadro dell’Ue che stabilisce che, entro il 2020, la preparazione per il riutilizzo e il riciclaggio di rifiuti simili a quelli domestici debba essere aumentata almeno fino al 50% in termini di peso. Infatti è il Trentino Alto Adige la Regione che guida questa speciale graduatoria, con il 74,6% (contro una media nazionale che l’anno scorso è stata del 45,6%); a seguire il Veneto (con il 69,7%), incalzato seppure a distanza dal Piemonte (61,6%). Ultima la Sicilia, con il 15,6%, preceduta dalla Calabria (17,8%) e dalla Puglia (20%). Nel corso della presentazione del Rapporto è intervenuto, tra gli altri, il sottosegretario all’Ambiente Tullio Fanelli, che ha sottolineato la mancanza nel nostro Paese di una politica ad hoc nella raccolta differenziata. E invece, ha spiegato, “sarebbe necessaria una strategia che sapesse offrire direzioni di lavoro chiare ai protagonisti del settore, che però deve avere connotati sempre più industriali”. Tra l’altro, ha aggiunto, la realtà della differenziata “potrebbe avere anche impatti positivi sotto il profilo della domanda di energia”. In ogni caso, ha spiegato Fanelli, il trattamento dei rifiuti “é uno dei pochi settori in cui si scorgono occasioni di sviluppo e, nonostante sia stato trascurato nei decenni scorsi, ora – anche se sotto lo spauracchio delle direttive Ue – può essere utile al Paese”.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.