Riforma Pac: Confeuro, no alla suddivisione dei fondi in base alla superficie

La riforma della PAC post 2013 – sostiene Rocco Tiso, Presidente Nazionale Confeuro ai margini dell’Attivo Interregionale del Meridione – potrebbe travolgere l’agricoltura italiana, orientando gli aiuti alle imprese per unità di superficie.
Sarebbe realmente una catastrofe per gli agricoltori nostrani – continua Tiso – poiché le aziende agricole, e in particolare le piccole imprese del Mezzogiorno, hanno una superficie media intorno ai 5-6 ettari. Una tale decisione potrebbe portare alla scomparsa di circa il 75% delle aziende del Sud d’Italia che oggi riescono ancora a sopravvivere, ma che comunque mantengono migliaia di consumatori.
Ribadiamo con forza – conclude Tiso – la nostra ferma avversione alla suddivisione dei proventi in base alle dimensioni dei terreni agricoli. E’ indispensabile che le risorse della Pac vengano distribuite a quegli agricoltori che utilizzano i propri terreni per produrre derrate di qualità, in grado di garantire prodotti sani e la cui coltivazione avvenga nella custodia e nella conservazione dei territori. Gli aiuti devono premiare coloro che contribuiscono attivamente alla salvaguardia del pianeta, non coloro che acquistano terre arabili solo per ricevere fondi UE e speculare.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.