Rinnovabili: Cia, ancora tante lacune


“Il decreto legislativo sulle energie rinnovabili, approvato lo scorso 3 marzo dal Consiglio dei ministri, presenta aspetti condivisibili dal punto di vista degli interessi agricoli, ma anche lacune che devono essere rapidamente colmate al fine di consentire agli agricoltori di operare in un quadro di certezza normativa necessaria al proseguimento dell’attivita’”. E’ quanto sostiene il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi in una lettera inviata al ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani.
Politi pone l’accento soprattutto sul “decreto ministeriale” di cui al comma 10 dell’art. 25 del decreto legislativo per quanto riguarda le incentivazioni agli impianti di fotovoltaico e la necessita’ di una rigorosa precisazione in ordine al comma 5 dell’art. 10 sui terreni abbandonati. Comunque, per quanto concerne il decreto ministeriale, “due -scrive il presidente della Cia- sono gli aspetti che vanno attentamente considerati. Il primo riguarda i tempi di approvazione, al fine di colmare un vuoto dispositivo a proposito del quadro degli incentivi che scattera’ successivamente al primo giugno 2011. Sara’ cosi’ possibile stabilire, per tempo, le condizioni agevolative alle quali le imprese potranno fare riferimento per operare investimenti e scelte aziendali. Il secondo, invece, riguarda il merito delle agevolazioni, in particolare per coloro che hanno investito nel fotovoltaico in base al III conto energia ( decreto ministero Sviluppo economico del 6 agosto 2010 ), ‘? per i quali l’allacciamento alla rete elettrica non abbia luogo entro il 31 maggio 2011′( comma 9 )”.
“Si tratta -afferma Politi- di garantire per questi imprenditori che hanno compiuto investimenti sulla base di un quadro incentivante definito -ma che non hanno ottenuto, alla data del 31 maggio 2011, l’allacciamento alla rete elettrica molto spesso senza averne responsabilita’- il mantenimento di quelle condizioni agevolative. Tutto cio’ in base ad una semplice ragione di equita’ di condizioni fra chi ha avuto l’allacciamento e chi ancora lo attende”.
Relativamente ai terreni abbandonati, “occorre -scrive il presidente della Cia- una rigorosa specificazione della natura dell’abbandono per cinque anni dall’attivita’ produttiva e della relativa documentazione probatoria. Sara’ cosi’ possibile evitare speculazioni, sempre possibili in questo campo, che potrebbero generarsi da una insufficiente chiarezza della norma e soprattutto da una inadeguata documentazione presentata a dimostrazione del fenomeno di abbandono”.
Politi ribadisce, inoltre, che riguardo alla predisposizione dell’insieme dei provvedimenti applicativi ed in considerazione della complessita’ ed ampiezza della materia, “la Cia si rende pienamente disponibile al confronto con gli uffici del ministero dello Sviluppo economico nelle forme e tempi che saranno ritenuti piu’ idonei”.
“Tutto cio’ -conclude il presidente della Cia- per garantire una decretazione la piu’ corrispondente alle necessita’ delle imprese agricole nella prospettiva di favorire speditamente l’allargamento delle opportunita’ per le energie rinnovabili nel nostro Paese”.(AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.