Rosarno : un anno dopo

“A un anno dai fatti di Rosarno, e’ necessario ribadire l’importanza della legalita’.”Questo il richiamo di Rocco Tiso , presidente nazionale di Confeuro. “Quanto avvenuto nel gennaio del 2010 nella città di Rosarno, con violenti scontri tra polizia, lavoratori immigrati e abitanti, deve servire a far si che episodi di questo genere non si verifichino nuovamente.In una fase storica in cui le difficoltà sono evidenti – prosegue Tiso – è necessario ribadire il presidio della legalità contro malcostumi e speculazioni di ogni genere. Gli episodi che si verificarono il 7 gennaio del 2010, hanno mostrato al Paese la situazione di invivibilità nella quale versano numerosi lavoratori immigrati stagionali. Nonostante i passi in avanti fatti nel territorio calabrese (800 stagionali immigrati sono stati contrattualizzati), ancora molto c’è da fare, specialmente sulla retribuzione spettante a questi lavoratori.La crisi che sta colpendo duramente il settore agro-alimentare italiano, deve essere superata non solo attraverso l’adozione di necessarie manovre economiche di sostegno, ma altresì ribadendo con forza la legalità.
E’ solo in questo modo – conclude Tiso – che l’agricoltura potrà divenire volano di un nuovo modello economico distinto dai sistemi che reputano valori come: la solidarietà, la salvaguardia del bene comune e il rispetto della dignità umana, degli elementi non essenziali.
E il 7 gennaio è prevista una manifestazione-sit in a Reggio Calabria e a Roma, contemporaneamente, davanti al Ministero delle Politiche Agricole per chiedere ancora una volta il permesso di soggiorno e migliori condizioni di vita e abitative per gli immigrati stagionali. Eppure, nella Piana qualcosa sta cambiando: per la prima volta circa 800 lavoratori migranti hanno un contratto. I dati li dà il dossier di fine anno della rete Radici/Rosarno 1, basato su un censimento e un lavoro di sportello, portato avanti con sopralluoghi nei casolari e nelle abitazioni degli africani, con le successive interviste caso per caso.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.