Russia: Zaia, “Risolveremo il fermo dei vini alla frontiera”

I vini italiani, come quelli stranieri, continuano a restare fermi alla frontiera russa dopo l’entrata in vigore da inizio anno dell’Unione doganale tra Russia, Kazakhstan e Bielussia, che richiede una nuova licenza a importatori e distributori, ma il ministro delle politiche agricole Luca Zaia ha promesso oggi a Mosca ”una soluzione definitiva al massimo entro settembre”. ”Nel frattempo troveremo soluzioni ponte”, ha spiegato all’ ANSA, dicendosi certo che ”i nostri vini non mancheranno nel mercato russo”. Una rassicurazione importante per l’Italia che, come ha ricordato Zaia, ”e’ il primo produttore al mondo di vini con 46 milioni di ettolitri, mentre il Veneto e’ la prima regione, con circa 7,5 milioni di ettolitri’. ”Ne ho parlato anche oggi con la mia collega russa Elena Skrinnik, con la quale abbiamo deciso di formare gruppi di esperti su vari dossier, tra cui quello sui vini”, ha aggiunto il ministro, a margine dell’inaugurazione di un nuovo stabilimento del gruppo Cremonini alle porte della capitale. ”E’ un problema – ha proseguito – da sollevare a livello comunitario, ma noi intanto ne stiamo gia’ parlando direttamente con il governo russo, forti dei rapporti esistenti tra i nostri Paesi, tra il nostro premier Silvio Berlusconi, il suo collega Vladimir Putin e il presidente Dmitri Medvedev”. ”E’ un problema risolvibile in tempi brevi e che puo’ diventare una grande opportunita’, grazie al formidabile potenziale d’acquisto di questa nuova Unione doganale”, ha osservato ancora Zaia, sottolineando anche la ”cultura dell’alcol esistente in questi Paesi”.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.