Salvare etichettatura facoltativa nelle carni. Appello a Parlamentari Europei

Lunedì 10 settembre a Strasburgo, si terrà la seduta plenaria del Parlamento Europeo con all’ordine del giorno anche il progetto di regolamento per la soppressione dell’etichettatura facoltativa delle carni bovine e per l’introduzione di quella elettronica per i bovini. Lo ricorda Fabiano Barbisan, presidente del Consorzio L’Italia Zootecnica e di Unicarve, auspicando che “i parlamentari europei intervengano in Aula approvando un nuovo emendamento che chiarisca definitivamente che l’Art. 16 del Regolamento 1760/2000 (etichettatura facoltativa) va mantenuto e l’etichettatura facoltativa non va soppressa”. “La battaglia che stiamo conducendo – aggiunge Barbisan – va nella direzione della trasparenza e qualità delle informazioni che possono essere date al consumatore. “Noi allevatori – prosegue Barbisan – chiediamo ai ministri dell’agricoltura (e della Salute) ed a tutti i parlamentari europei che credono negli strumenti di informazione al consumatore, di agire e votare affinché l’etichettatura facoltativa delle carni bovine, non venga soppressa. Mi domando oltretutto a chi dia fastidio l’etichettatura facoltativa, visto che la definizione stessa fa capire, anche ai più sprovveduti, che non essendo obbligatoria, sarà la filiera a decidere se applicarla o meno!”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.