Salvare la produzione di uova in Europa

Nell’Unione Europea a 27 Stati membri, il 62,9% dell’allevamento di galline ovaiole è effettuato in gabbie tradizionali. “Ipotizzare che nel breve giro di due anni si possa adempiere agli adeguamenti previsti dalle disposizioni comunitarie è illusorio”. Lo sottolinea Confagricoltura che evidenzia le conseguenze per la produzione europea e nazionale di uno dei più importanti alimenti: le uova. Il rischio è di ridurne drasticamente la produzione e importarla da Paesi Terzi (che non hanno le disposizioni restrittive della Comunità e non danno le stesse garanzie di salubrità). Nell’Unione Europea – ricorda Confagricoltura – si allevano 387,7 milioni di capi di galline ovaiole con una produzione di circa 6,3 milioni di tonnellate di uova (l’11% della produzione è italiana).
“Bisogna urgentemente fare chiarezza sulla situazione produttiva di questo comparto e sui tempi di adeguamento degli impianti produttivi – sottolinea Confagricoltura -. Occorre tener conto che le norme comunitarie generano costi aggiuntivi per gli allevatori, non garantendo però che analoghe disposizioni e divieti vengano applicati alle importazioni. Insomma occorrono risposte laddove persiste un silenzio generale”.
Fonte: Confagricoltura

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.