Sapori lucani in sagra

Il primo agosto Sagra dei Sapori Lucani a Latronico in provincia di Potenza, in cui avverra’ anche lo srotolamento della salsiccia più lunga del mondo affiancata da una degustazione di piatti tipici della cultura contadina lucana, oltre che da una esposizione di prodotti tipici del Parco Nazionale del Pollino. appuntamento nel pomeriggio dalle ore 16 in Piazza grande ad Agromonte Magnano.
Latronico, il paese che introduce alla Valle del Sinni, sorge sulla cresta di un colle. Il suo nome deriverebbe da due parole greche col significato di “luogo nascosto”. Incerte sono le origini. Gli insediamenti più antichi risalgono al mesolitico, come testimoniano i ritrovamenti nelle Grotte di Calda; ed è certo che esistesse, in età storica, un insediamento di una comunità di origine Enotria sul sito che oggi viene chiamato Colle dei Greci. Il nome di Latronico compare per la prima volta in un documento dell’anno 1063. Fu feudo dei Sanseverino, dei Corcione e infine dei Gesuiti. Dal 1767 passò alla Corona e quindi al Demanio. Dal 1861 al 1865 ebbe i suoi “briganti”. In epoca fascista, nel 1928/29, al centro fu aggregata la sua frazione più grande: Agromonte. Il territorio di Agromonte Magnano, di particolare interesse storico ed ambientale, sorge intorno alla chiesa di S. Antonio di Padova ed è caratterizzato da una architettura di tipo rurale. Il nucleo Agromonte Mileo, sorge intorno alla chiesa della Madonna del Perpetuo Soccorso. Dal 1570, patrono di Latronico è Sant’Egidio, santo greco, vissuto in Francia da eremita. Il Santo con il miracolo della Santa Manna, che dal 1709 avviene in uno o più venerdì di marzo, è una presenza costante, tangibile nella storia, nel costume e nella vita di Latronico. Tutte le tracce d’arte del paese sono quasi esclusivamente legate al Santo, come la statua di alabastro di Latronico, scolpita nel 1570 da un seguace di Giovanni da Nola, il reliquario d’oro a forma d’ostensorio con frammenti dell’osso del braccio del Santo, la statua d’argento a mezzo busto di Sant’Egidio benedicente, risalente al 1892, una croce del ‘600. Da visitare anche la Cappella di San Cataldo, del secolo XIII, con un caratteristico porticato, situata alla periferia del paese nella contrada Cimarotto72.
INFO : 0973851893 – .http://www.prolocolatronico.it

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.