Satelliti e droni, chiave dell’agricoltura di precisione

drone

Drone

Satelliti, aerei e droni: l’esercito delle tecnologie al servizio della coltivazione dei campi per osservare, misurare e catturare dati per ottenere raccolti sempre migliori: l’agricoltura di precisione comincia a fare i primi passi e, secondo gli esperti, è destinata ad avere una crescita sempre maggiore nei prossimi anni. A fare uno dei primi passi sono i trattori collegati con i satelliti Gps: insieme ai ‘droni contadini’ possono elaborare i dati che permettono di decidere la rotazione delle colture in modo da ottenere la maggiore produttività possibile. Un’impresa alla quale si prepara a contribuire anche la scienza della misura, la metrologia. Combinando i dati diventa possibile, per esempio, sapere quali campi hanno un maggiore bisogno di diserbanti, o dove è necessario concimare. Sono stati i satelliti i primi a dare impulso all’agricoltura di precisione e l’Europa è in pole position in questo ambito. Si prepara infatti a mettere a disposizione dell’agricoltura una grande quantità di dati e servizi basati sul sistema di navigazione europeo Galileo e sulla costellazione Copernicus, con i suoi satelliti Sentinel. Promosso da Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Unione Europea, il programma Copernicus è considerato dagli esperti lo strumento che permetterà di vigilare sulla politica agricola comune’, fornendo servizi e dati che permettano di calcolare che cosa coltivare e come. Anche per il sistema di navigazione Galileo si sta lavorando ad applicazioni al servizio della coltivazione dei campi, così come della tracciabilità degli alimenti. Forse anche più dei satelliti, i droni sono destinati a diventare ‘di casa’ nei campi, ad esempio per raccogliere dati e misure utili per organizzare il lavoro delle macchine agricole. Sono al nastro di partenza anche ‘droni contadini’ che, radiocomandati, possono spargere sui campi il concime, controllare la maturazione della frutta e il bisogno di acqua di ogni pianta. Se nelle risaie cinesi i droni contadini hanno superato in numero i trattori già nel 2013, le prime sperimentazioni condotte in Italia sono promettenti. Fra i prototipi ci sono ‘Helicampro’, un drone spinto da un motore a scoppio in grado di distribuire con altissima precisione fertilizzanti o pesticidi, e le squadre di’Archidron’, che permettono di coprire fino a 13 ettari in una sola ora. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.