Sciopero tir: Confagri, in Emilia Romagna manca il mangime per gli animali

Animali nelle stalle, rimasti senza cibo. E’ questo, secondo Confagricoltura Emilia-Romagna, uno degli effetti più allarmanti del fermo dei tir. “Una guerra tra poveri – attacca Guglielmo Garagnani, presidente regionale dell’associazione – che denuncia una completa perdita del senso della realtà”. Le situazioni di maggior preoccupazione, prosegue, sono al Porto di Ravenna e in Romagna, “dove sono bloccati i rifornimenti delle materie prime per la zootecnia e i concimi”. Da un lato, quindi, “mercati senza prodotti”. Dall’altro, “agricoltori costretti a distruggere i loro beni deperibili”. A rischio è “il benessere di milioni di capi avicoli e di centinaia di migliaia di suini, ormai senza mangime. Questo a fianco degli effetti sulle imprese, sulle persone e sulla circolazione, esige che la protesta cambi forma immediatamente e sia attuata nel rispetto delle altre categorie ed evitando di fermare l’economia”. Per questo “é necessario un intervento del Governo, l’unico in grado di dare risposte alle istanze avanzate, e per fermare ciò che sta accadendo in queste ore nelle stalle, con animali a rischio perché senza cibo e le derrate alimentari lasciate a marcire”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.