Scoprire l’Australia attraverso stages nelle aziende agricole


“L’Australia cerca giovani agricoltori, economisti agricoli, agronomi paesaggisti, agrotecnici, tecnici ambientali, consulenti agricoli, guardie forestali, veterinari.” Lo segnala l’Anga, l’associazione che riunisce i giovani agricoltori di Confagricoltura. “Mentre in Italia l’agricoltura continua ad invecchiare inesorabilmente e per i giovani italiani le prospettive di lavoro, in tutti i campi, sono incerte – dice Nicola Motolese, presidente dell’Anga – l’Australia è diventata la nuova terra promessa”.

Nel nuovo continente la recessione praticamente non si è sentita, anzi è stata in qualche modo aggirata, grazie alla proseguimento della crescita indo-cinese, che di fatto ha rilanciato tutta l’economia del Paese. La disoccupazione è meno del 5% ed gli analisti la reputano in ulteriore calo. “Per le professioni verdi – mette in evidenza Motolese – le risorse disponibili non sono sufficienti a coprire le richieste”.

In Australia, ad esempio, il 53% della forza lavoro agricola è composta da manager, controllori e amministratori. La mancanza di competenze per svolgere questi ruoli investe il settore in tutta la sua gravità. I visti “working holiday” hanno fornito una soluzione importante per il settore orticolo nella fase della raccolta, ma non sono sufficienti. Si parla di 100.000 offerte di lavoro qualificato disponibili nel settore agricolo a vari livelli, per i prossimi 5 anni.

“Attraverso la nostra associazione è possibile avere una prima opportunità di conoscere l’Australia attraverso il programma di stages pratici”, ricorda il presidente Anga, che aggiunge: “Fino ad ottobre è possibile fare domanda di partecipazione per i tirocini nel settore vitivinicolo, tutto l’anno per il settore agricolo e per le altre figure professionali”. Gli stages sono retribuiti per coprire i costi di partecipazione. Necessario, per il vino, avere meno di 29 anni (per gli altri settori 31), conoscere bene l’inglese ed avere esperienza.

Informazioni anga@confagricoltura.it

3 Commenti in “Scoprire l’Australia attraverso stages nelle aziende agricole”

  • luigi scritto il 24 gennaio 2011 pmlunedìMondayEurope/Rome 21:11

    bisogna necessariamente conoscere l’inglese ? io vorrei provare lo stesso,sono un appassionato del’australia e dei suoi spazzi. vorrei trasferirmi li per sempre,comprando un’azienda.

  • Roberto scritto il 15 marzo 2013 amvenerdìFridayEurope/Rome 9:02

    Salve, sono un ragazzo di 28 anni e lavoro nel settore vinicolo da ben 10 anni, sono un cantiniere e per di più giudò macchine speciali per la viticoltura e una macchina polivalente per la raccolta e il trattamento dei vigneti.. Mi interesserebbe avere delle informazioni per un’opportunità di lavoro in una cantina magari più vicina possibile a Sydney, anche per io non conosco bene l’inglese. Colgo l’occasione per porgervi cordiali saluti

  • salvatore scritto il 7 dicembre 2013 pmsabatoSaturdayEurope/Rome 16:27

    vorrei avere dei contatti con voi come scambio di idee per la conoscenza dell agricoltura

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.