Segui la stella. I Presepi in Emilia Romagna

Il nostro percorso spirituale ti porterà nei borghi e nei centri storici, tra pregiate rivisitazioni artistiche, natività nell’acqua o sulle barche, rappresentazioni viventi con centinaia di figuranti, esili manufatti in sabbia o sale, piccoli capolavori animati meccanicamente. Tantissime infatti sono le Natività, nate dalla fervida creatività suscitata dall’evento.
Seguendo la stella cometa in un itinerario fra i presepi della Riviera romagnola si va dalle rappresentazioni ispirate al mondo del mare, come quella allestita sulle barche del Museo della Marineria, nel porto canale di Cesenatico (Fc), che riproduce le figure tipiche della vita marinara mentre rendono omaggio a Gesù Bambino, ai presepi di sabbia di Rimini e di Bellaria- Igea Marina, dove artisti internazionali con sabbia e acqua hanno dato vita a figure stupende e a paesaggi incantevoli. Senza dimenticare il presepe di sabbia di Marina di Ravenna o quello scenografico “Venuto dal mare”, a Casalborsetti, nei Lidi ravennati.
A Cervia (Ra), oltre al Presepe di Sale e a quello dei Salinari, la stella cometa conduce ai 100 elementi d’artista che festeggiano la Natività e i 100 anni di Milano Marittima con una suggestiva animazione multisensoriale, creativamente elaborata, caratterizzata da un ricco gioco di colori, di luci e di musica, che racconta la sacra rappresentazione attraverso la rielaborazione dell’opera di Giotto e dei suoi contemporanei.
Presepe a vocazione marina anche a Comacchio (Fe) dove la vigilia di Natale è allietata da una “natività d’acqua” galleggiante posta sotto le arcate del seicentesco Ponte Trepponti, e da tanti altri presepi allestiti lungo i canali. Mentre l’ Acquario di Cattolica (Rn) offre al visitatore l’insolita cornice delle vasche del Mar Mediterraneo, dell’Oceano Indiano e del Pacifico, che diventano piccole gallerie d’arte sottomarine ma anche scenari per preziose sculture naturali perfettamente integrate nelle profondità.
Presepi viventi saranno protagonisti in diversi paesi, come a Bettola e nel borgo medievale di Rivalta, nel piacentino, a cui partecipano più di 100 figuranti; a Montescudo e Montefiore Conca, nell’entroterra riminese, dove il centro storico dei borghi medioevali si presta quale naturale scenografia alla sacra rappresentazione con centinaia di figuranti; nei Lidi ravennati: a Punta Marina, con sfilata per le vie e canti natalizi, e a Classe, con musicisti, fiaccole, botteghe artigiane e guardie romane, vin brulè e dolci per tutti.
Assai suggestivi i presepi meccanici, primo fra tutti il grande e tradizionale presepe ospitato nel Convento del SS. Crocefisso, di Longiano (Fc), ricco di complesse e affascinanti animazioni meccaniche, luci e suoni, da cui si diparte un percorso presepiale che coinvolge l’intero borgo storico. Da non perdere neppure quello di Maurizio Veterani a Riccione, con 500 personaggi animati totalmente, accompagnati da effetti sonori e luminosi.
Il presepio meccanico più grande realizzato all’interno di grotte pubbliche, si trova invece a Santarcangelo di Romagna lungo un percorso sotterraneo di oltre 200 metri. Sedici nicchie scavate nell’arenaria raccontano la storia dell’infanzia di Gesù bambino, con animazioni, giochi di luci ed effetti speciali. Ma anche quello che si snoda nelle gallerie della vecchia miniera di zolfo a Predappio Alta, nel forlivese, non mancherà di colpire il visitatore grazie alle sue tredici scene animate, allestite lungo il percorso.
Un intero borgo medievale, poi, come quello di Portico di Romagna, nell’entroterra forlivese, durante le festività si trasforma nel paese dei presepi, con Natività disseminate un pò ovunque: negli anfratti più suggestivi, nelle vie e nelle piazza, bellissime da vedere anche di notte. O a Montalbano di Zocca, nell’Appennino modenese, dove le festività sono un’occasione per visitare nello splendido scenario dei monti l’esposizione di originali presepi, collocati negli angoli più graziosi e caratteristici del borgo antico.
Suggestive rappresentazioni ricche di simboli evangelici e dell’arte sacra, in stile napoletano oppure storico-orientale, presepi antichi, presepi popolari, animati o scenografici, anche nelle città d’arte come a Ravenna, dove se ne possono ammirare oltre quaranta, nelle chiese, in vari luoghi del centro storico e in alcune località dell’entroterra e del litorale. A Reggio Emilia spicca un bellissimo presepe multietnico ambientato nella Napoli del ‘700, un’ opera scenica tridimensionale di 18 metri quadrati che ritrae la Vergine Nera e corrisponde a tutti gli stilemi del presepe napoletano classico del periodo. Da sempre grande centro di arte presepiale, anche Bologna offre un percorso cittadino in quarantadue tappe, percorribile volendo con visite guidate, che si sviluppa tra chiese, custodi di numerosi antichi presepi, e allestimenti realizzati in occasione del Santo Natale.

Per l’elenco completo e i dettagli www.emiliaromagnaturismo.com

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.