Sequenziato il genoma di un bovino italiano di 11.000 anni fa

Sequenziato il genoma di un bovino italiano di 11.000 anni fa. E’ stato pubblicato, spiega una nota, sulla rivista BMC Evolutionary Biology uno studio che ha determinato la sequenza completa di DNA mitocondriale di un uro – specie, oggi estinta, progenitrice di tutte le razze bovine moderne -vissuto in Italia oltre 11.000 anni fa. La ricerca e’ coordinata da David Caramelli, associato di Antropologia presso l’Universita’ di Firenze, insieme a Giorgio Bertorelle dell’Universita’ di Ferrara. L’uro era un bovino selvatico diffuso un tempo in tutta Europa, nord Africa e parte dell’Asia, dipinto dagli uomini paleolitici per esempio nelle grotte di Lascaux circa 16.000 anni fa. Lo studio percio’ e’ un passo importante verso una completa comprensione delle relazioni genetiche tra i bovini moderni e, soprattutto, permette di rimettere in discussione l’ipotesi secondo la quale tutte le razze moderne europee discendono da antenati addomesticati nel Vicino Oriente circa 10.000 anni fa e successivamente importati in Europa durante la diffusione dell’agricoltura e della pastorizia. La ricerca suggerisce invece che in Italia, ma probabilmente anche in altre aree sud europee, gli uri locali venivano non solo cacciati ma anche, nel Neolitico, addomesticati e/o incrociati con varieta’ domestiche ”di importazione”. In altre parole, nei bovini moderni, soprattutto nel sud dell’Europa, ci potrebbero essere ancora le tracce genetiche dell’uro europeo. Lo studio – a cui hanno contribuito, fra gli altri, anche Martina Lari, dottoressa di ricerca presso l’Ateneo fiorentino, e Ermanno Rizzi dell’Istituto di Tecnologie Biomediche del CNR di Milano – indica poi che la diversita’ genetica era superiore nell’antenato paleolitico rispetto alle razze bovine attuali. Da un punto di vista pratico, questi risultati suggeriscono che si dovrebbe prestare particolare attenzione alle razze bovine locali, soprattutto nel Sud-Europa, perche’ in queste aree alcune razze potrebbero conservare componenti genetiche appartenute alla forma selvatica europea e non presenti in quella vicino-orientale, componenti che potrebbero rivelarsi importanti per il miglioramento genetico.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.