Siccità, per combatterla servono dieci giorni di pioggia


La neve sopra i mille metri e la pioggia in pianura sono importanti per ristabilire le scorte idriche e combattere la grave siccità nelle campagne e in città che rischia di far rimanere presto l’Italia a secco, dopo un mese di marzo con precipitazioni dimezzate (-52 per cento) e punte del 70 per cento in meno al nord. E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento all’ondata di maltempo, con pioggia e neve, che stanno interessando la penisola. Le precipitazioni stanno interessando proprio gran parte delle regioni, come la Toscana e il Veneto, che hanno dichiarato lo stato di emergenza per la siccità – sottolinea la Coldiretti – anche se la situazione è grave in tutto il centro nord. La pioggia per essere utile deve però – sottolinea la Coldiretti – cadere in modo costante, leggero e durare come previsto per i prossimi giorni mentre i forti temporali soprattutto se accompagnati da grandine provocano gravi danni alle colture primaverili con i terreni che non riescono ad assorbire l’acqua che cade violentemente e tende ad allontanarsi per scorrimento. A preoccupare – conclude la Coldiretti – è anche il rischio di gelate tardive che provocano danni ai vigneti, ortaggi e alle piante da frutto che si trovano nella fase critica di fine fioritura. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.