Sicurezza ambientale a rischio. Italiani consapevoli

L’Italia e’ sempre piu’un paese a rischio dal punto di vista della sicurezza ambientale e i cittadini ne hanno preso coscienza, questo secondo un’indagine Swg, condotta per conto della Associazione Nazionale Bonifiche Irrigazioni (Anbi) e presentata stamani a Roma. Secondo la situazione del territorio nazionale fotografata dal sondaggio vi e’ un crescente pericolo: 3 italiani su 4 sostengono che il Paese si trova a dover fronteggiare una crescente emergenza ambientale. ”Disboscamento, abusivismo edilizio, cementificazione dei letti dei fiumi e costruzione incontrollata di infrastrutture, sono – secondo il campione intervistato – alcune delle cause alla base dei problemi idrogeologici, ovvero frane, smottamenti, inondazioni”. Sempre secondo il sondaggio circa 6 italiani su 10 si sono trovati ”almeno una volta” a dover affrontare qualche ”disastro legato a fenomeni naturali”. Il 43% della popolazione, scrive l’Anbi, ha dovuto affrontare alluvioni, esondazioni o frane o, ancora, smottamenti, i cui danni, se non evitati completamente, potevano essere senz’altro limitati con un’opportuna opera di prevenzione e manutenzione. Il rischio di disastri idrogeologici, rispetto alla zona di residenza, preoccupa quasi la meta’ della popolazione italiana che ”richiede a gran voce” un attento e costante monitoraggio territoriale e un’attivita’ di prevenzione. Secondo uno studio del ministero dell’Ambiente citato oggi, il 9,8% del territorio nazionale e’ interessato da aree ”ad alta criticita’ idrogeologica” che riguardano circa 3 milioni di ettari. Secondo un rapporto della Protezione Civile, realizzato unitamente a Legambiente, oltre 3,5 milioni di cittadini, il 6% della popolazione, sono in Italia esposti al pericolo di frane o alluvioni: ”Si tratta di abitazioni, industrie, infrastruttuture, perfino scuole ed ospedali costruiti in aree a rischio.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.