Sicurezza del territorio: summit al Ventasso (Re)


“Il Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale conosce bene il territorio. Si avvale di tecnici qualificati e, in maniera efficiente, propone interventi che rispondono alle nostre esigenze”. E’ il primo dei giudizi espressi da Luigi Fiocchi, sindaco di Villa Minozzo, uno degli amministratori riuniti al Lago Calamone, per incontrare il Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale che quassù ha fatto salire l’intero consiglio l’11 agosto scorso.
“Quaranta progetti e due milioni di euro di investimento: ecco quanto proponiamo per l’Appennino, da Palanzano a Montefiorino per la sicurezza del territorio” ha spiegato Marino Zani, presidente dell’ente consortile, nel dare il benvenuto agli amministratori che, sempre più spesso, operano in convenzione con l’ente di Corso Garibaldi.
“Con il Consorzio di Bonifica lavoriamo in sinergia – rileva Martino Dolci, sindaco di Ramiseto -: esso fornisce risposte adeguate mediante capacità di personale tecnico qualificato. Soprattutto in un periodo di crisi è fondamentale lavorare in squadra, cercando di raddoppiare le risorse sulla compartecipazione di spesa nei progetti”.
“Anche perché siamo in zona frane – gli fa eco Ugo Caccialupi, sindaco di Collagna – ci si attiva per la sistemazione delle strade, ma anche attraverso opere idrauliche su torrenti e laghi. In un periodo di tagli è attuale l’esigenza di informare la popolazione sugli interventi che si vanno a realizzare”.
“Frane ma anche opere su strade interpoderali – aggiunge Giorgio Pregheffi, sindaco di Ligonchio -. Negli ultimi dieci anni il nostro Comune ha instaurato un rapporto proficuo con l’ente consortile, fatto di una presenza diretta e costante, che ci consente di esaminare assieme le problematicità, definendo così un calendario di priorità di interventi risolvibili nell’immediato. Forza del Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale è l’immediatezza e il rapporto più diretto rispetto a quello che si può avere con altre istituzioni. In diversi interventi il Consorzio ha effettuato la progettazione delle opere, mettendo così a disposizione il suo prestigioso personale tecnico”.
“Se esiste un vanto nella nostra amministrazione – afferma Giuseppe Domenichini, assessore nel comune di Casina – è quello di avere instaurato un rapporto proficuo con i diversi enti, tra i quali il Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale. Anni fa non era noto a tutti il ruolo svolto dall’ente, ora non esistono dubbi sulla sua professionalità ed indiscutibile funzione di sostegno e presidio idrogeologico dei territori montani. Ci vantiamo di questo. Il Consorzio di Bonifica non è più conosciuto solo per la casella esattoriale, anzi le persone non brontolano più. Perché vedono in concreto le tante opere effettuate dal Consorzio di Bonifica. Stiamo portando avanti diversi progetti assieme all’ente consortile, tra i quali un grande progetto per un impianto fotovoltaico, progettato proprio dall’Emilia Centrale. Tutto questo è la dimostrazione che l’unificazione dei due precedenti consorzi (Bentivoglio Enza e Parmigiana Moglia Secchia) non ha provocato intoppi o difficoltà, ma anzi somma di valori e funzioni”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.