Sicurezza idrogeologica: Anbi, servono 4,1 mld per il territorio


Realizzazione di opere per il contenimento delle piene e smaltire gli elevatissimi volumi idrici che giungono a valle sempre piu’ rapidamente, lavori di stabilizzazione delle pendici, collinari e montane, lavori di manutenzione straordinaria e di adeguamento del reticolo idraulico a difesa dei centri abitati, lavori di manutenzione straordinaria delle centrali idrovore e degli argini, lavori di adeguamento e ristrutturazione dei torrenti, ripristino delle frane sulle sponde dei canali. Questo in sintesi i lavori necessari per mettere in sicurezza il territorio italiano da rischio idrogeologico secondo il piano pluriennale proposto dai Consorzi di bonifica (rappresentati dall’Anbi) al Ministero dell’Ambiente e sul quale ad oggi non c’e’ stata alcuna risposta. Il piano, frutto di un monitoraggio sul territorio, prevede 1.365 progetti spalmati su tutto il Paese per una spesa di 4,1 miliardi di euro da proiettare su 15 anni. L’importo e’ consistente ma, fanno notare dall’Anbi ”e’ appena un quinto della spesa sostenuta per tamponare i danni delle catastrofi idrogeologiche verificatesi nel decennio 1994-2004 (quasi 21 miliardi di euro)”. I Consorzi di Bonifica, che hanno competenza sulla difesa del suolo e quindi sul mantenimento dell’assetto idrogeologico nazionale e sulla rete idrografica minore (tutti i fiumi esclusi i maggiori), denunciano la ”distrazione” dell’Italia verso il proprio patrimonio naturale. ”Mentre ci si lambicca in stucchevoli querelle sul futuro dei cambiamenti climatici nel frattempo le conseguenze si abbattono sulla popolazione” afferma il presidente Massimo Gargano. L’Italia oltre ad avere un territorio fragile e’ anche fortemente antropizzato con una densita’ media di 189 abitanti per km2 (la Francia conta 114 abitanti, la Spagna 89) ma in Lombardia e Campania la densita’ passa rispettivamente a 379 e 420 abitanti. Va anche considerato che stanno quasi scomparendo le ‘guardie ecologiche volontarie’ rappresentate dalle aziende familiari e dai piccoli conduttori agricoli. In questo quadro, denuncia l’Anbi, occorre ripristinare le opere danneggiate o rese insufficienti dalle alluvioni e definire un programma che assicuri un finanziamento permanente agli interventi di manutenzione. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.