Siena: al palio ippica ed arte

Palio di Siena_DSC5002Un applauso convinto, di oltre 2 minuti e mezzo: così le istituzioni della
città di Siena con il sindaco Bruno Valentini, le rappresentanze delle
Contrade del Palio e un folto pubblico (tra il quale il presidente
dell’Associazione bolognese Francesco Francia, Gianluigi Spada) hanno
ufficialmente salutato ieri domenica 10 agosto il Drappellone – o ‘cencio’
come lo chiamano i senesi -, ovvero l’ambito trofeo di cui si fregerà la
Contrada vincitrice il prossimo 16 agosto, realizzato quest’anno da Ivan
Dimitrov, artista bulgaro ma bolognese d’adozione approdato in Italia negli
anni ’70. La città di Siena ha scelto Dimitrov anche per una sorta di gemellaggio ben
augurante: la Bulgaria e l’Italia esprimeranno a breve una capitale europea
della cultura per il 2019. Un bella soddisfazione per il ‘bolognese’
Dimitrov, al quale è stata commissionata appositamente l’opera, succedendo
ad illustri artisti cimentatisi nelle edizioni passate.
Il Drappellone in seta, creato in gran segreto in questi mesi nello studio
bolognese di Dimitrov in via Santo Stefano e ‘svelato’ solo ieri in pompa
magna a Siena, aveva, come ogni anno, un tema assegnato: per il 2014 si
trattava di un omaggio a Mario Luzi, nel centenario della nascita del poeta,
che proprio qui a Siena ha vissuto e approfondito il suo genio.
Nei due metri e cinquanta per ottanta del drappo, l’artista è riuscito a
tradurre con la pittura il respiro simbolico e lirico dell’opera poetica
‘Viaggio terrestre e celeste di Simone Martini’, denso poema che Luzi dedicò
a Simone Martini e soprattutto alla città di Siena. L’opera di Dimitrov
raffigura la città in un tempo fermo e ideale, capace di rievocare le
atmosfere e le emozioni luziane sul mito di Siena e della sua Festa e sul
suo rapporto di partecipazione con il paesaggio circostante.
La prospettiva dell’opera è ‘a volo d’uccello’, una visione dall’alto,
dunque, per mostrare sia la città che le colline in lontananza, icone del
paesaggio toscano tanto caro a Luzi. La luce è quella del primo mattino, che
esalta le sfumature e i colori tipici delle Terre di Siena. La visione
portante e il sentito omaggio a Luzi è di rappresentare l’alba e il divenire
della giornata del Palio, idea richiamata anche nella poesia di Luzi ‘Mi
guarda Siena’, riportata integralmente sul retro del Drappellone.
Nella parte bassa del Drappellone, davanti alla città, in primo piano c’è
invece il protagonista assoluto del Palio, il cavallo, ‘surreale’ e di forte
impatto che esce dall’oscurità. Colto nel furore del suo spirito sintetizza,
grazie al colore rosso e all’espressione marcata, la forza, la lotta e la
passione della giornata del Palio.
Al di sopra di tutto, attorniata da una ghirlanda formata dagli stemmi delle
Contrade, c’è la Madonna Assunta alla quale è dedicato il Palio di agosto:
“ho voluto raffigurare la ‘Maestà’ di Simone Martini, la Madonna vestita di
oro e di azzurro che ha ispirato Luzi nella sua poesia della raccolta
‘Viaggio terrestre e celeste di Simone Martini’ ” ha spiegato Dimitrov.
Figura solenne e delicata, dipinta con colori primari abbondanti in una
scelta cromatica che trae origine nel percorso artistico di Dimitrov, legato
anche all’arte bizantina del suo paese nativo.
Sul retro, semplicemente, come da un libro aperto, appare la poesia ‘Mi
guarda Siena’, così piena del forte sentimento che legava Luzi alla città da
emozionare Ivan Dimitrov che non ha potuto fare a meno di riprenderla. E
altrettanto forte sarà certamente l’emozione del pubblico del Palio che
porterà in trionfo il Drappellone del vincitore.
Mi guarda Siena,
mi guarda sempre
dalla sua lontana altura
o da quella del ricordo-
come naufrago?
come transfuga?
mi lancia incontro
la corsa
delle sue colline,
mi sferra in petto quel vento,
lo incrocia con il tempo
il mio dirottamente
che le si avventa ai fianchi
dal profondo dell’infanzia
e quello dei miei morti
e l’altro d’ogni appena
memorabile esistenza…
Siamo ancora
Io e lei, lei e io
soli, deserti.
Per un più estremo amore? Certo.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.