Sisma, Coldiretti: altre 550 mila forme colpite: settore rischia collasso

Altri 550.000 pezzi tra forme di Grana e Parmigiano, in aggiunta ai 500.000 già colpiti dalla scossa del 20 maggio scorso: questo secondo Coldiretti Lombardia, il bilancio delle nuove scosse di terremoto nei caseifici della pianura padana. Strutture che ora, come gli allevamenti da latte “rischiano il collasso”. In base alle informazioni raccolte – osserva l’associazione in una nota – il terremoto di oggi, fra Mantova e Modena, “ha danneggiato 250.000 forme di Grana e 300.000 forme di Parmigiano” che si vanno a sommare “ai 500.000 già colpiti la settimana scorso. Le scosse sismiche hanno in pratica colpito il 10 per cento della produzione annua di due dei formaggi più popolari e diffusi del Made in Italy e la metà di questo 10 per cento viene considerato non più recuperabile in alcun modo”. Tale situazione, spiega Ettore Prandini, Presidente della Coldiretti Lombardia, “rischia di mettere in ginocchio il settore: le forme perse o danneggiate servivano anche come garanzia per crediti e finanziamenti che le aziende avevano chiesto alle banche per gestire l’attività e gli investimenti. Adesso non c’é un minuto da perdere e ognuno deve fare la propria parte”. Pertanto, aggiunge, “le banche devono garantire la sospensione dei mutui e la tenuta delle linee di credito, mentre le istituzioni e in particolare la Regione devono intervenire con misure straordinarie per andare in soccorso delle persone e delle aziende. Nessuno si può e si deve tirare indietro: è il sistema Paese che si deve muovere perché questa è una tragedia che riguarda tutti ed è insieme che ce la possiamo fare”.Altri 550.000 pezzi tra forme di Grana e Parmigiano, in aggiunta ai 500.000 già colpiti dalla scossa del 20 maggio scorso: questo secondo Coldiretti Lombardia, il bilancio delle nuove scosse di terremoto nei caseifici della pianura padana. Strutture che ora, come gli allevamenti da latte “rischiano il collasso”. In base alle informazioni raccolte – osserva l’associazione in una nota – il terremoto di oggi, fra Mantova e Modena, “ha danneggiato 250.000 forme di Grana e 300.000 forme di Parmigiano” che si vanno a sommare “ai 500.000 già colpiti la settimana scorso. Le scosse sismiche hanno in pratica colpito il 10 per cento della produzione annua di due dei formaggi più popolari e diffusi del Made in Italy e la metà di questo 10 per cento viene considerato non più recuperabile in alcun modo”. Tale situazione, spiega Ettore Prandini, Presidente della Coldiretti Lombardia, “rischia di mettere in ginocchio il settore: le forme perse o danneggiate servivano anche come garanzia per crediti e finanziamenti che le aziende avevano chiesto alle banche per gestire l’attività e gli investimenti. Adesso non c’é un minuto da perdere e ognuno deve fare la propria parte”. Pertanto, aggiunge, “le banche devono garantire la sospensione dei mutui e la tenuta delle linee di credito, mentre le istituzioni e in particolare la Regione devono intervenire con misure straordinarie per andare in soccorso delle persone e delle aziende. Nessuno si può e si deve tirare indietro: è il sistema Paese che si deve muovere perché questa è una tragedia che riguarda tutti ed è insieme che ce la possiamo fare”.

4 Commenti in “Sisma, Coldiretti: altre 550 mila forme colpite: settore rischia collasso”

  • vivaldi fortunato scritto il 30 maggio 2012 ammercoledìWednesdayEurope/Rome 9:43

    Disponibile ad acquistare pezzi di parmigiano. Fateci saper dove e quando. Grazie

  • rosa Cavallaro scritto il 30 maggio 2012 pmmercoledìWednesdayEurope/Rome 12:30

    sono disponibile a comprare pezzi di parmigiano fatemi sapere grazie

  • mirko zanello scritto il 2 giugno 2012 pmsabatoSaturdayEurope/Rome 16:27

    Cari amici, sono un pensionato, ma vorrei anchio contribuire ad aiutare i terremotati dellEmilia, comperando una forma di parmigiano. Potreste farmi sapere a chi mi devo rivolgere, quanto pesa un forma ed il prezzo ? In attesa di una vostra risposta vi ringrazio e vi saluto cordialmente

    mirko zanello Trevignano Romano (roma)

  • Paolo Gaudio scritto il 4 giugno 2012 pmlunedìMondayEurope/Rome 12:51

    Cari amici emiliani vorrei contribuire ad aiutare i terremotati, oltre che a partecipare alla raccolta fondi tramite la RAI, magari comperando anche un pò di parmigiano. Fatemi sapere a chi rivolgermi. In attesa di una vostra risposta, vi abbraccio.

    Paolo Gaudio – Cosenza

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.