Sisma Emilia, Confagri: non aggiungere danni burocrazia

“L’opera di ricostruzione è già cominciata, ma dobbiamo sapere se lo stato è al nostro fianco. Non potremo accettare che ai danni del terremoto si sommino quelli della burocrazia e della lentezza statale”. Lo ha detto il presidente di Confagricoltura, Mario Guidi, che è tornato a parlare dell’emergenza sisma in Emilia. “I nostri agricoltori, operosi e laboriosi, sono già al lavoro per sgomberare le macerie e ripristinare l’attività produttiva – ha proseguito Guidi – lo stato deve favorire questo processo e non bloccarlo con una modulistica complessa e con indagini tecniche che possono essere fornite solo da determinate professionalità che tra l’altro scarseggiano sul territorio”. Confagricoltura ha chiesto la cancellazione di tutti i contributi fiscali, come previsto dal testo unico delle imposte sui redditi e dei relativi oneri previdenziali per tutta la zona interessata dal sisma, dove la terra continua a tremare. “Non basta far slittare la data di giugno dell’Imu – ha concluso Mario Guidi – bloccare ogni forma di onere fiscale e contributivo per un’area produttiva devastata e provata è il minimo. Occorre dare respiro e certezze a chi è in difficoltà. Ci attendiamo meno burocrazia e interventi tempestivi e semplificati per la certificazione tecnica dell’agibilità o meno delle strutture”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.