Sisma: il bilancio delle assemblee organizzate dalla Cia di Reggio Emilia nelle aree colpite


Buon successo di partecipazione per le Assemblee che la Cia di Reggio Emilia ha tenuto a Brugneto di Reggiolo e Correggio, per le aziende delle zone terremotate negli eventi sismici del maggio scorso: i due incontri hanno visto la partecipazione di un centinaio di aziende. Gli argomenti affrontati hanno avuto un punto di partenza nella quantificazione dei danni, ma soprattutto ci si è concentrati sui problemi legati alla ricostruzione e ristrutturazione dei fabbricati lesionati. Una richiesta pressante è quella di semplificare le procedure per le autorizzazioni degli interventi che riguardano antismica, staticità e agibilità.

I rappresentanti della Cia (il presidente Ivan Bertolini, il responsabile per il credito Antonio Senza, il responsabile economico regionale Mauro Vicini) hanno espresso un giudizio positivo per il lavoro svolto alla Camera sul decreto relativo alla ricostruzione (che ora è passato al Senato) in particolare per le parti dove si è deciso di semplificare iter e costi legati alla ricostruzione, alla possibilità di delocalizzare senza l’obbligo di recupero dell’intera superficie del fabbricato: questo in campagna significa poter costruire ex novo nelle vicinanze dei fabbricati lesionati o caduti.

Si è parlato quindi delle opportunità finanziarie: c’è lo stanziamento specifico per le imprese agricole che passa dalla Misura 126 (calamità) del Piano di sviluppo rurale della Regione, per un totale di circa 135 milioni; con contributi pari all’80% per la ricostruzione di fabbricati produttivi, acquisto di macchinari, sostituzione di bestiame morto, ripristino di scorte. Questo era quanto chiedeva la Cia alle autorità regionali. Per le abitazioni invece, si dovrà attingere come tutti i cittadini colpiti, al Fondo di solidarietà nazionale stanziato dal Governo. Ora sono importanti i tempi, la Cia ha chiesto alla Regione di aprire i bandi al più presto in modo da poter far partire i lavori, per poi chiuderli a novembre.

Sul versante creditizio – è stato precisato – si può far ricorso al fondo di garanzia di SGFA-ISMEA, ai fondi presso la Cassa Depositi e Prestiti per le PMI ed allo stanziamento di un milione della nostra Camera di Commercio che sosterrà i Confidi per tutte le categorie. Agli associati la Cia ha garantito totale assistenza sotto tutti i profili prima detti.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.