Sisma: proroga ricostruzione. I commenti

terremoto cia 2Soddisfazione per la proroga al dicembre 2018 della conclusione dei lavori e la rendicontazione delle spese per le aziende agricole danneggiate dal sisma del maggio 2012. È quanto esprime Coldiretti Modena nell’apprendere la notizia diffusa dal Presidente regionale Stefano Bonaccini.
“La proroga per consentire alle aziende di concludere i lavori e presentare la rendicontazione – ha detto il presidente di Coldiretti Modena, Francesco Vincenzi – è una risposta positiva a quanto Coldiretti aveva chiesto nella manifestazione del 28 aprile al Paladozza di Bologna, alla quale avevano partecipato più di 7.000 coltivatori, davanti ai quali il presidente Bonaccini si era impegnato per una positiva risoluzione”. Con la proroga – commenta Coldiretti Modena – c’è la possibilità di attivare tutte le misure necessarie per completare l’opera di ricostruzione di strutture aziendali che permetteranno di ritornare alla piena attività agricola in uno dei territori più produttivi dell’agricoltura emiliano romagnola.

“E’ una decisione  che le imprese agricole accolgono con gioia, un provvedimento necessario – e richiesto a gran voce dalla Cia –  per completare le opere di ristrutturazione e redigere le difficili rendicontazioni”. E’ il commento della Cia – Agricoltori italiani dopo aver appreso la notizia che le aziende emiliane danneggiate dal terremoto del 2012 avranno un anno e 7 mesi in più per concludere i lavori e per presentare la rendicontazione delle spese, grazie alla proroga concessa dall’Unione europea fino dicembre 2018.
“Ringraziamo l’operato della Regione Emilia Romagna e il lavoro del governo che ha consentito di ottenere un risultato importante – sottolinea ancora la Cia –  una boccata di ossigeno che ci auguriamo possa consentire a coloro che hanno subito i danni di chiudere i cantieri con più tranquillità”.

«Solo così si può ottenere ascolto da parte di Bruxelles». È soddisfatto il presidente di Confagricoltura Emilia Romagna, Gianni Tosi, per la proroga concessa dall’Ue: le imprese agricole danneggiate dal sisma avranno tempo fino a dicembre 2018 per concludere i lavori e per presentare la rendicontazione delle spese di ricostruzione.
«Bene la Regione che ha portato all’attenzione della Commissione Europea le istanze delle imprese agricole devastate dal sisma del 20 e 29 maggio 2012. È il risultato – prosegue il presidente regionale di Confagricoltura – di uno straordinario lavoro di squadra tra Sindacati e Istituzioni: un modus operandi da adottare anche in altre situazioni di criticità quali le politiche eco-sostenibili, ambientali e la tutela delle acque. Ossia temi su cui la Regione può giocare un ruolo indispensabile e insostituibile».
È altresì importante “che questo risultato non sia ora vanificato da interpretazioni burocratiche locali completamente disallineate dalle direttive regionali”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.