Stop consumo suolo, Cdm vara Ddl; Orlando,svolta per Paese

agricoltura generica1Un freno al consumo di suolo e, allo stesso tempo, una spinta alla riqualificazione e ‘riuso’ del patrimonio urbano. Questa l’anima del Ddl sul contenimento del consumo di suolo, approvato dal Consiglio dei ministri e che il ministro dell’Ambiente Andrea Orlando definisce “una svolta per il Paese”. I punti cardine della norma sono la definizione di “superficie agricola” e i limiti per le superfici ‘consumabili’, il riuso del suolo e la rigenerazione urbana, il divieto di utilizzo (per almeno 5 anni) se non per uso agricolo per terreni che usufruiscono di aiuti di Stato, incentivi al recupero del patrimonio rurale, incentivi per la qualificazione dell’ambiente e del paesaggio, anche con l’obiettivo di mettere in sicurezza le aree esposte a rischio idrogeologico. Nel provvedimento, è prevista anche l’istituzione di un registro al Ministero dell’Agricoltura per i comuni ‘virtuosi’. Inoltre, il ddl dispone l’istituzione di un Comitato interministeriale (con rappresentanti Istat, Ispra e Conferenza unificata) per il controllo e il monitoraggio, a cui viene anche affidato poi il compito di realizzare ogni anno un rapporto sul consumo di suolo. “Siamo di fronte ad una svolta per l’uso del suolo nel nostro Paese – osserva Orlando – si potrà costruire solo se si riutilizza e questo in un Paese in cui si è costruito a prescindere dalle esigenze è un paletto importantissimo”. Il ministro spiega che si tratta di “linee di indirizzo”, ma è “importante” che “si abbia una ricaduta, che il ddl si traduca in strumenti sul territorio”. Per Orlando i “sei mesi di lavoro con le Regioni”, tanto il tempo che il ddl è stato all’esame della Conferenza, “sono stati un passo in avanti”. Per il ministro delle Politiche agricole Nunzia De Girolamo è “un provvedimento fondamentale che segna la separazione netta tra il passato e la devastazione dei territori ed il futuro in cui il terreno sarà utilizzato per lo sviluppo. Non c’è produzione agricola se non c’è tutela del suolo e queste misure agevoleranno gli imprenditori edilizi che si specializzano nel risanamento”. L’augurio di De Girolamo è che il provvedimento, con il quale si introduce “un principio fondamentale, possa essere presto discusso e approvato anche in Parlamento. I drammatici disastri idrogeologici degli ultimi mesi ci ricordano che non c’è più tempo da perdere”. Il via libera del Cdm viene accolto con favore anche dal presidente della commissione Ambiente alla Camera, Ermete Realacci: un “provvedimento che può rafforzare e accelerare il cammino delle proposte di legge presentate da vari gruppi parlamentari sul tema. Rappresenta un segnale netto di inversione di rotta sul consumo del nostro fragile territorio che, come certificato dall’Ispra, perde 8 metri quadrati al secondo di terreno”. Legambiente, che propone delle tappe a breve e medio termine per frenare il consumo di suolo, spera che “questa sia la volta buona e che Governo e Parlamento decidano di lavorare insieme e speditamente”. (di Tommaso Tetro) (ANSA)

Un Commento in “Stop consumo suolo, Cdm vara Ddl; Orlando,svolta per Paese”

Trackbacks

  1. Stop consumo suolo, Cdm vara Ddl; Orlando,svolt...

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.