Suinicoltori, ripensare a Dop qualità non paga

maiali5Ripensare ai prodotti a denominazione della suinicoltura, individuando strategie comuni per rilanciare i consumi e soprattutto dare competitività e redditività lungo il percorso della produzione. E’ il messaggio lanciato da Lorenzo Fontanesi, presidente di Unapros, l’associazione di Organizzazioni produttori (Op) che produce 2 milioni di suini l’anno, pari al 20% della produzione nazionale, in vista di Eurocarne, il salone triennale della carne che farà incontrare tutti gli anelli delle diverse filiere a Verona nel maggio 2015. A preoccupare, spiega il presidente, è l’andamento dei prosciutti Dop che in un anno registrano un calo di redditività superiore al 10%, il che significa che la qualità delle Dop non sempre paga. Questo a fronte di un andamento del settore della suinicoltura, che risente dell’aumento dei costi di produzione e del calo dei listini; a marzo la redditività è calata dello 0,3% rispetto al mese precedente. Secondo Fontanesi, ”la filiera deve capire quale prodotto vuole il consumatore italiano e quello straniero e da lì impostare la produzione quali-quantitativa che meglio risponda alle esigenze del mercato; se in Italia vince la tradizione, all’estero, invece, è preponderante il concetto del prodotto ‘light’, magari pre-affettato per un consumo più veloce”. Da qui l’esigenza di ripensare alle Dop seguendo l’esempio spagnolo che per i prodotti più conosciuti è riuscito a proporre diverse offerte di gamma, da quelle standard alle ‘deluxe’. Un’opportunità da prendere in considerazione, secondo Fontanesi, è il sistema di qualità nazionale come percorso parallelo di valorizzazione della carne e della coscia, con destinazione verso più mercati e più consumatori. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.