Suinicoltura: Cia, in Sardegna allevatori in grave difficoltà

La suinicoltura in Sardegna rischia di subire un colpo mortale. Alla difficile situazione che si e’ andata creando negli ultimi dieci anni, che hanno portato a un vero e proprio sconvolgimento, ora si aggiunge il pericolo della pesta suina, un fenomeno ormai ricorrente e mai debellato, che, con il blocco delle movimentazioni, puo’ mettere in ginocchio centinaia di allevamenti. E’ quanto sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori, fortemente preoccupata per uno scenario sempre piu’ difficile che puo’ precipitare, nonostante i grandi sforzi compiuti dai produttori che hanno intrapreso una strada di razionalizzazione e modernizzazione, con la presenza di allevamenti validi e con una filiera che comprende processi di lavorazione e trasformazione importanti per l’agroalimentare sardo.
In Sardegna i capi allevati nel 2000 -ricorda la Cia- erano 193.890. Nel 2010 sono scesi a 169.278 con una perdita del 12 per cento. Le aziende suinicole nell’isola nel 2010 sono scese a 4.852, mentre nel 2000 erano presenti 12.577, con una perdita di 8.066 unita’ che -rimarca la Cia- equivale al 62 per cento.
Imprese per la stragrande maggioranza piccole o medio-piccole.
Un fenomeno inaccettabile, di fronte a processi di modernizzazione, e’ costituito -afferma la Cia- dal permanere di allevamenti abusivi e non controllati che alimentano la macellazione clandestina. E questo a danno delle aziende che con sforzi enormi, anche dal punto di vista finanziario, hanno costruito strutture e allevamenti capaci di stare sul mercato.
La situazione e’, quindi, intollerabile e non puo’ piu’ essere accettata -avverte la Cia- e impone immediati e radicali cambiamenti nelle strategie perseguite in questo settore. Va ripensata, soprattutto, la politica di sanita’ animale.

Il pericolo immediato e’ tuttavia rappresentato da alcuni focolai di peste suina con i quali -rileva la Cia- si torna al blocco di tutto il settore, e come si puo’ immaginare, al blocco della movimentazione, macellazione ed esportazione. Gli animali rimangono nelle aziende causando problemi di sovraffollamento, difficolta’ alla gestione sanitaria e ulteriori costi di mantenimento non piu’ sostenibili.
Secondo la Cia, occorrono cambiamenti profondi nella gestione del settore che salvaguardino gli allevamenti sani con provvedimenti differenziati, consentendo a quelli accreditati di poter continuare a operare con deroghe controllate atte a consentire la macellazione dei capi prodotti. Una politica severa e rigida nei confronti di chi non riesce a gestire gli allevamenti rispettando le normative in materia sanitaria, con controlli sui capi bradi. Comunque, per uscire dalla crisi -conclude la Cia- e’ fondamentale un’azione coordinata che veda coinvolte le rappresentanze degli agricoltori.(AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.