Sviluppo rurale: De Castro, da Pe salvataggio di Iva e risorse


Via libera dalla commissione agricoltura del Parlamento europeo, ”a due importantissime novita’ nell’ambito della politica di sviluppo rurale in Europa: Innanzitutto, l’autorizzazione del rimborso dell’Iva non recuperabile e non rendicontabile per le spese sostenute dalle Regioni; quindi, l’approvazione dell’emendamento che autorizza l’applicazione del disimpegno automatico delle risorse sullo Sviluppo rurale a livello di Stato membro”. Lo ha annunciato oggi a Bruxelles lo stesso presidente della commissione agricoltura dell’Europarlamento, Paolo De Castro (SD).
Le modifiche introdotte dalla commissione agricoltura del Parlamento europeo avranno un impatto estremamente importante per le finanze regionali e statali, oltre ad armonizzare la politica di Sviluppo rurale rispetto all’assetto istituzionale dei vari Paesi Ue, dovendo infatti allineare la legislazione al Trattato di Lisbona. Sulla prima novita’, in relazione all’autorizzazione del rimborso dell’Iva non recuperabile e non rendicontabile per le spese sostenute dalle Regioni, De Castro ha spiegato che ”i soggetti pubblici, non avranno piu’ difficolta’ nel reperire le risorse finanziarie necessarie al pagamento dell’imposta ai rispettivi fornitori di beni e servizi”. Insomma, per De Castro si tratta di ”un forte incentivo alla realizzazione degli interventi, che assume un significato ancora piu’ importante in un momento di crisi delle finanze pubbliche e che scongiura il rischio di perdita di risorse comunitarie”. Non solo. E’ anche – ha aggiunto – ”una risposta alle sollecitazioni della Commissione Politiche Agricole delle Regioni guidata dall’Assessore Dario Stefano”. Anche con la seconda novita’ che autorizza l’applicazione del disimpegno automatico delle risorse sullo Sviluppo rurale a livello di Stato membro – tiene a sottolineare De Castro – siamo di fronte ad ”un elemento strategico e importante che aumenta l’efficacia e il valore aggiunto dei fondi comunitari attraverso compensazioni finanziarie tra programmi regionali. Finalmente – conclude il presidente di Comagri – le Regioni in difficolta’ non rischieranno, come accaduto in passato, di perdere preziose risorse finanziarie dovendole restituire a Bruxelles”. La commissione agricoltura del Parlamento europeo ha introdotto le nuove decisioni dopo l’approvazione della proposta di modifica del regolamento 1698 del 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.