Tabacco: Uil Umbria, si faccia chiarezza sulla situazione del settore


La Uil dell’Umbria chiede chiarezza sulla situazione del settore del tabacco. “Ad oggi – sottolinea il segretario regionale della Uila-Uil, Stefano Tedeschi – sul comparto permangono grossi dubbi, che neanche il recente incontro con l’assessore Cecchini e’ servito a dirimere. La Philip Morris, ad esempio, ha firmato contratti di coltivazione in Italia per 100mila quintali di tabacco. Quanti, di questi, riguardano l’Umbria? E ancora: quanti quintali raccolti nel 2010 sono ancora stoccati nei magazzini delle aziende di trasformazione? E quanto tabacco e’ stato trapiantato nel corso del 2011? Si tratta – precisa Tedeschi – di questioni fondamentali per pianificare il futuro del settore tabacchicolo regionale”. La speranza per il futuro e’ appesa alle trattative che, entro giugno, dovrebbero essere chiuse a livello nazionale da multinazionali quali British American Tobacco e Japan Tobacco. “In caso di esito negativo, o di ulteriore rinvio di queste trattative – prosegue Tedeschi – il settore si ritrovera’ in ulteriore difficolta’, con rischi per l’occupazione di tanti lavoratori. Risultano di importante aiuto i piani di sostegno previsti dal Psr, come le misure agroambientali e l’articolo 144 sui finanziamenti per la ristrutturazione delle aziende agricole, oltre che quelli diretti alla produzione, che sono pari a 23 euro al quintale.
Su questi ultimi – conclude il sindacalista – sono arrivate importanti conferme dalla Regione dell’Umbria che, pur con notevoli difficolta’, ha assicurato che i pagamenti verranno messi a regime entro fine anno”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.