Taleggio: difesa della qualità e giusta informazione alla base delle future strategie

Si è tenuta mercoledì 18 aprile alle ore 17 presso il “Convento dei Neveri” a Bariano (Bergamo) l’Assemblea annuale dei Soci del Consorzio Tutela Taleggio. Durante l’incontro il Presidente Massimo Taddei ha focalizzato l’attenzione sulle strategie da adottare per lo sviluppo del Taleggio.
Bariano, 18-04-2012 – Il Presidente Taddei, dopo una breve analisi della produzione del Taleggio, che negli ultimi anni si è mantenuta stabile, nonostante una crisi generale dei consumi, ha voluto concentrare il proprio discorso sulle attività future che dovranno permeare il processo di crescita sia del Consorzio che, più nello specifico, del prodotto.
I consorziati dovranno concentrare le loro azioni su due aspetti cruciali: la difesa della qualità e la corretta ed assidua informazione sui valori distintivi del Taleggio DOP.
Il primo punto deve essere affrontato innanzitutto minimizzando la quantità di Taleggio che, venduta con la denominazione DOP mina la credibilità del prodotto. Per fare ciò bisogna lavorare, in collaborazione con i referenti scientifici del Consorzio, alla individuazione di quei parametri che permettano di identificare il Taleggio in maniera oggettiva.
Nello stesso tempo sarà fondamentale portare avanti il processo di “smarchiatura”, attività da porre in essere nei confronti di quei prodotti che non rispettano i requisiti, privandoli del marchio d’origine e della relativa denominazione, affinché vengano venduti con il nome generico di “formaggio molle da tavola”.
Anche la ricerca deve avere il proprio peso per la valorizzazione e la tutela del prodotto, a cominciare dallo studio, attualmente in corso, di un “packaging biodegrabile”, il cui utilizzo potrebbe garantire la conservazione del Taleggio senza pregiudicarne le caratteristiche.
L’altro aspetto su cui si è focalizzata l’attenzione del Presidente Taddei è la necessità di una giusta e assidua informazione sul prodotto. In questo caso la voce “comunicazione” diventa essenziale per mantenere sempre alta l’attenzione dei consumatori sui valori intrinsechi del Taleggio D.O.P. L’aspetto pubblicitario sarà quindi ulteriormente implementato con il lancio di una campagna denominata “I Taleggiatori 2.0” che richiama il grande successo ottenuto lo scorso anno; la campagna sarà diffusa nel circuito dei cinema italiani e metterà in evidenza le qualità del Taleggio che diventa veicolo del concetto stesso di bontà.
In prospettiva, poi, la comunicazione sarà sempre più diretta al consumatore finale, attraverso un utilizzo strategico dei media e l’organizzazione di eventi volti a promuovere il Taleggio DOP.
Grande importanza, infine, avrà anche la comunicazione interna al Consorzio, con il mantenimento di un rapporto stretto con i Soci e la costituzione di una “Consulta dei giovani” all’interno della quale le “nuove leve” potranno contribuire attivamente, offrendo una propria visione sul prodotto e sul mercato.
“Il Consorzio ha come obiettivo prioritario la valorizzazione e la tutela del Taleggio”- ha affermato in conclusione il Direttore Pisani- “Per ottenere ciò è necessaria l’unità di intenti da parte di tutti i Consorziati che dovranno mantenere alta l’attenzione nel difendere la qualità del prodotto, informando nel modo corretto i consumatori, anche utilizzando gli strumenti di comunicazione che, attraverso il Consorzio, vengono resi disponibili”.

Tags:

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.