Terranostra, agriturismi a rischio con Tari e Tasi

agriturismo 4Non tarpare le ali al turismo in campagna e nelle aree rurali, che consente di scoprire le bellezze ambientali e culturali dell’entroterra dell’Emilia Romagna e di mantenere vivo il territorio. È questo il senso della lettera che Terranostra Emilia Romagna, associazione agrituristica di Coldiretti, ha scritto all’assessore all’Agricoltura Tiberio Rabboni, per evitare che, nell’applicazione della tassazione Tari e Tasi, le aziende agrituristiche fossero parificate in tutto e per tutto a imprese turistico-alberghiere e di ristorazione, nonostante i vincoli che limitano l’attività agrituristica.
Con soddisfazione Terranostra regionale ha perciò accolto la lettera che l’assessore Rabboni, facendo proprie le sollecitazioni dell’associazione agrituristica di Coldiretti, ha scritto all’Anci dell’Emilia Romagna, esprimendo la preoccupazione che i Comuni (titolari delle due tasse) scegliessero una applicazione di Tari e Tasi “troppo semplicistica, che non tiene conto delle specificità dell’agriturismo”.
Nella lettera – informa Terranostra – l’assessore ricorda che “l’attività agrituristica è regolamentata e limitata da numerosi vincoli legislativi che la differenziano dalle attività ristorative o alberghiere vere e proprie del settore commerciale: gli imprenditori agrituristici devono usare prodotti propri nella ristorazione, devono somministrare pranzi tipici del territorio, hanno limitazioni nell’uso dei fabbricati esistenti e nel volume di attività di ospitalità e ristorazione”.
Paragonare l’agriturismo ad una normale attività alberghiera o di ristorazione – ribadisce Terranostra – significa ignorare che l’agriturismo, ad esempio nella ristorazione, fornisce agli ospiti prodotti aziendali e dell’agricoltura del territorio, riducendo o addirittura annullando la produzione di rifiuti come ad esempio le confezioni degli alimenti e gli imballaggi. Già in altre regioni i Comuni hanno riconosciuto la peculiarità dell’agriturismo, per cui – afferma Coldiretti – applicare ai 1.100 agriturismi dell’Emilia Romagna un’aliquota Tari e Tasi alla pari di altre attività turistiche rischia di frenare lo sviluppo di un turismo che richiama un numero crescente dei turisti alla ricerca di vacanze verdi, che della nostra regione vogliono riscoprire anche i parchi, le oasi, le bellezze architettoniche e i gioielli d’arte delle aree rurali.
Occorre ricordare che l’agriturismo come attività multifunzionale è integrativa dell’attività agricola (che resta sempre prevalente) ed è importante per la permanenza di aziende agricole in zone molte volte disagiate. Questo contribuisce a mantenere la presenza degli agricoltori in zone dove svolgono un ruolo fondamentale di presidio del territorio, di manutenzione ambientale e idrogeologica e di salvaguardia di attività economiche che diversamente rischiano di sparire.
L’auspicio – conclude Terranostra – è che i 348 Comuni emiliano romagnoli, come avvenuto già in altre regioni, siano sensibili alla nostra richiesta e alle sollecitazioni dell’assessore.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.