Terre demaniali ai giovani: Agia sollecita ministro De Girolamo

campi coltivati
Sbloccare il provvedimento sulla vendita e l’affitto dei terreni demaniali, con diritto di prelazione per i giovani, “che è rimasto lettera morta”.Lo chiedono i giovani imprenditori della Cia-Confederazione italiana agricoltori riuniti oggi nell’assemblea annuale, osservando che l’agricoltura è in grado di offrire lavoro ed in particolare di aiutare i giovani afflitti da una disoccupazione record ma per farlo ci vogliono terreni a disposizione e un più facile accesso al credito. Per agevolare l’ingresso delle nuove leve in agricoltura – osservano i giovani della Cia – bisogna prima di tutto agevolare l’accesso al bene terra. Se in Francia un ettaro costa in media 5.500 euro e in Germania 6.500 euro, in Italia – sottolinea l’Agia Cia – un ettaro di terreno viaggia mediamente intorno ai 18 mila euro. E anche l’affitto è proibitivo. Fatte queste considerazioni, “diventa quindi incomprensibile” lo stallo della norma del decreto Liberalizzazioni che prevedeva la locazione e la vendita dei terreni a vocazione agricola di proprietà pubblica, con diritto di prelazione per i giovani. Grazie al provvedimento – sottolinea Agia-Cia – si sarebbero di fatto ‘svincolati’ circa 380 mila ettari, che vuol dire la possibilità di creare quasi 50 mila nuove imprese guidate da under 40. Per questo – afferma l’Agia Cia- ora chiediamo al neo ministro De Girolamo, di concerto con il ministero dell’Economia, di riprendere in mano l’iter del provvedimento, lavorando per emanare entro il 30 giugno 2013 il decreto attuativo con la lista dei terreni da cedere. Ovviamente, oltre al problema della terra, “c’è ancora un’altra barriera economica” da superare, osserva il presidente dell’Agia, Luca Brunelli, quella del credito difficile da ottenere, soprattutto per i giovani imprenditori. Per questo l’Agia chiede al governo di prevedere sostegni ‘ad hoc’ soprattutto in fase di avvio dell’impresa.

La risposta del ministro De Girolamo
Sul tema del sostegno all’agricoltura e alle imprese del settore, prima di tutto quelle giovanili, “mi sono gia’ prefissata alcuni obiettivi tra cui quello di rivedere tutto il patrimonio demaniale dei terreni agricoli e vedere quali sono le stime oggi”. Lo ha annunciato il ministro dell’Agricoltura, Nunzia De Girolamo, alla sua prima uscita pubblica in occasione dell’assemblea annuale della Confederazione italiana agricoltori, in corso a Roma. Riguardo alle stime e alla vendita dei terreni demaniali, il ministro ha annunciato l’intenzione di coinvolgere la Cassa depositi e prestiti, il cui presidente dovrebbe contattare gia’ oggi, “per capire – ha spiegato – se c’e’ la possibilita’ di fare in agricoltura quello che e’ stato fatto rispetto al fondo degli enti locali”. La Cassa depositi e prestiti dovrebbe infatti essere coinvolta “nella stima e valutazione dei terreni demaniali e nella loro vendita. Se ci fossero i presupposti per un accordo in questo senso – ha chiarito il ministro – evitando le cartolarizzazioni che in questo paese non hanno funzionato, si potrebbe creare un fondo con le anticipazioni di cassa destinato ai giovani imprenditori o – ha concluso – alle imprese in crisi”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.