Terremoto: tutto esaurito al primo mercato delle aziende colpite

Sono andati esauriti la maggior parte dei prodotti messi in vendita dalle aziende agricole colpite dal terremoto che hanno partecipato a Bologna al primo mercato di Campagna Amica a loro dedicato dalla Coldiretti. Gli italiani ed i turisti – sottolinea la Coldiretti – si sono messi diligentemente in fila per acquistare tutti prodotti salvati dal sisma, dal Parmigiano al miele, dai latticini ai meloni fino ai fiori, ai salumi tipici e al Lambrusco. Ad esempio l’azienda articola Ferrarini di Mirandola (MO) a metà giornata aveva terminato fagiolini e cipolle, mentre l’azienda Toaldo di Novellara (RE) all’ora di pranzo aveva venduto tutti i tranci di Parmigiano e i salumi, lo stesso per i formaggi di pecora dell’azienda Valbona di Sant’Agata Bolognese.
Una dimostrazione concreta di solidarietà – continua la Coldiretti – per aiutare la ripresa di un territorio dove si produce quasi il 10 per cento dell’agricoltura italiana e dal quale partono verso l’Italia ed il resto del mondo le più prestigiose produzioni agroalimentari nazionali, dal Parmigiano Reggiano all’aceto balsamico di Modena, dal prosciutto di Parma fino al Lambrusco. Il successo dell’iniziativa – sottolinea la Coldiretti – è un incoraggiamento importante sul piano umano ed economico per gli agricoltori che si sono rimboccati le maniche per ripartire con il proprio lavoro in grado di avere anche un impatto positivo sul piano sociale ed ambientale per il territorio colpito.
Non mancano tuttavia le difficoltà denunciate da molte aziende a cominciare – continua la Coldiretti – dalla necessità di semplificare le norme urbanistiche di riparazione e di ricostruzione degli edifici rurali per i quali, a differenza di quanto previsto per le strutture industriali, si applicano le norme “ordinarie” che ovviamente non tengono conto della necessità di ricostruire nel modo più celere e adeguato possibile per ripartire subito. L’intenzione degli imprenditori di riavviare al più presto l ‘attività viene anche limitata – precisa la Coldiretti – dalla difficoltà di ottenere finanziamenti in quanto le banche non fanno prestiti ad aziende che magari avevano già dei mutui per investimenti che sono andati distrutti dal sisma e quindi in mancanza delle garanzie pubbliche promesse non possono darne altre. I contributi in conto capitale sono fondamentali per poter avviare l’attività di ricostruzione o di messa in sicurezza di magazzini e laboratori di lavorazione della frutta perché molte aziende non hanno oggi a disposizione i locali dove lavorare e devono ricorrere a strutture in affitto fuori provincia, con conseguente aggravio dei costi. I problemi sono amplificati dal caldo che riduce la conservabilità dei prodotti ma tra le preoccupazioni principali per le campagne – rileva Coldiretti – c’è anche il problema della sicurezza del territorio. I consorzi di bonifica hanno infatti realizzato impianti provvisori per l’irrigazione delle campagne, ma non è stato ancora possibile rimettere in funzione il sistema di scolo delle acque che è stato danneggiato dal sisma, con il rischio che forti temporali possano mandare sott’acqua migliaia di ettari di terreno coltivato.
Segnali importanti sono invece venuti – sostiene la Coldiretti – dall’ultima delibera del Cipe con la quale sono stati stanziati grazie all’impegno del Ministro delle Politiche Agricole Catania circa 52 milioni di euro di fondi per le imprese agricole colpite dal terremoto e sono state semplificate le procedure di riprogrammazione dei fondi dei Programmi di sviluppo rurale (PSR), per consentire cosi alle Regioni un’attuazione piena ed efficiente.
A causa del terremoto si stimano danni complessivi per 705 milioni di euro all’agroalimentare in Emilia e Lombardia. Ai circa 400 milioni di euro di danni provocati alle strutture agricole (fienili, stalle, magazzini) si aggiungono 70 milioni necessari per garantire la sicurezza al territorio riportando alla normalità gli impianti idrovori, irrigui, di scolo e di irrigazione fortemente lesionati. Con una stima di 150 milioni di euro di danni il sistema del Parmigiano Reggiano è in cima alla triste classifica dei prodotti piu’ danneggiati dal sisma seguito da vicino dal Grana Padano che accusa un colpo da 70 milioni di euro e dall’aceto balsamico che conta perdite per 15 milioni di euro, secondo la Coldiretti. Le imprese che operano in questi settori hanno solo la possibilità di scegliere se chiudere o ripartire poiché le uniche attività che certamente non saranno delocalizzate sono proprio quelle legate all’agricoltura e ai suoi prodotti tipici, dal parmigiano al grana, dall’aceto balsamico tradizionale alle pere tipiche, la cui produzione non può avvenire per legge al di fuori del territorio delimitato dai disciplinari di produzione approvati dall’Unione Europea.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.