Terroir: la sfida Italia Francia finisce in pareggio

Una sfida tra titani del vigneto quella proposta oggi a Vinitaly dalla Cantina Sociale di Negrar (Verona) in collaborazione con il Consorzio di Tutela dei vini Valpolicella. Di fronte a sfidarsi sul terreno delle tecnologie capaci di esaltare l’unicita’ di un territorio, una serie di vini Amarone provenienti da diversi ”terroir” della Valpolicella e la produzione di una delle piu’ prestigiose cantine francesi della Borgogna, Domaine Dupont Tisserandot Gevrey-Chambertin. In realta’non ci sono stati ne’ vinti ne’ vincitori poiche’ tutti i produttori chiamati in causa hanno confermato che le differenze e le peculiarita’ di un vino sono fondamentali e qualificanti purche’ ne rispettino l’identita’ e la tipicita’. ”Ogni Amarone e’ unico e non replicabile – ha sostenuto Luca Sartori, presidente del Consorzio tutela dei vini Valpolicella -. Merito indubbiamente delle competenze di chi lo produce che insegue un proprio personale equilibrio di sapori e profumi, ricercando quello che ritiene un giusto appassimento e lavorando sulle uve e nei fruttai. Ma non bisogna dimenticare l’importanza del territorio che riesce ad esprimere un Amarone diverso e speciale per ogni microzona della Valpolicella”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.