Tonno rosso: Bruxelles valuta la riduzione delle quote

La commissaria Ue alla pesca Damanaki ha annunciato che si sta valutando la possibilita’ di procedere ad un ulteriore ridimensionamento delle quote di pesa del tonno rosso per la prossima stagione di pesca. La commissaria, a quanto si e’ appreso, intenderebbe evitare il ricorso al blocco della pesca del tonno, riconoscendo utile una strategia che coniughi gli interessi dei pescatori con quelli dei pesci. Per il vicepresidente della commissione pesca dell’Europarlamento, Guido Milana (Pd-S&D), per saperne di piu’ occorrera’ aspettare la conferenza dell’ICCAT del prossimo novembre, ”che ci auguriamo confermi con dati scientifici questa opzione che oggi e’ solo un orientamento politico. Domani del resto la commissaria – ha aggiunto Milana – incontrera’ il RAC Mediterraneo (Consiglio Regionale della Pesca), dove certamente sara’ affrontato anche questo tema. Mi auguro che prevalgano in questa fase i ‘moderatismi’ e non una contrapposizione frontale dannosa per consumatori, ambientalisti e pescatori”.
“E’ una posizione preconcetta e ideologica che non tiene conto né di quanto riscontrabile in mare, dove si registra un significativo incremento dello stock, né del rapporto di valutazione del comitato scientifico dell’Iccat 2010, la Commissione internazionale per la conservazione dei tonnidi dell’Atlantico”. Commentano così le tre centrali cooperative della pesca l’intenzione di Bruxelles di ridurre ulteriormente la quota di tonno rosso. “Quando la Commissaria Damanaki dichiara di voler perseguire un piano di recupero basato non sulla politica ma sui dati scientifici – dichiarano i presidenti di Agci Agrital, Giampaolo Buonfiglio, di Federcoopesca-Confcooperative, Massimo Coccia e di Lega Pesca, Ettore Ianì – dovrebbe anche considerare che i dati vanno conosciuti, capiti e interpretati senza affidarsi a consiglieri interessati a portare avanti campagne solo politiche che scambiano i dati di mortalità da pesca con la misura dello stock”. Le tre associazioni invitano pertanto il ministro delle politiche agricole, Giancarlo Galan, alla massima attenzione in occasione del Consiglio dei ministri Pesca che si terrà il 26 ottobre a Lussemburgo, dove la Commissione presenterà la sua proposta di posizione Ue da portare all’Iccat che si svolgerà a Parigi dal 17 al 27 novembre.

Un Commento in “Tonno rosso: Bruxelles valuta la riduzione delle quote”

  • luca scritto il 24 ottobre 2010 pmdomenicaSundayEurope/Rome 15:14

    io ridimensionerei invece che le quote lo stipendio di queste persone o fenomeni che siano in quanto incompetenti di certi settori vedi settore pesca ecc ecc 

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.