Tonno rosso: la sfida è riprodurlo in cattività

C’e’ un futuro per il tonno rosso, che non rischiera’ cosi’ di scomparire dai piatti dei buongustai. I suoi stock sono in via di esaurimento ma ritroveranno una nuova vitalita’ grazie alla ricerca europea. Incoraggianti sono infatti i risultati ottenuti dai scienziati europei – per l’Italia l’Universita’ di Bari – che per la prima volta sono riusciti a far deporre milioni di uova, in modo naturale e senza alcun apporto ormonale, da una quarantina di esemplari di tonno rosso selezionati e mantenuti in cattivita’. Un risultato senza precedenti che – ne e’ convinta Bruxelles – aprira’ numerose opportunita’ socio-economiche in un settore che conosce una grave crisi, al punto che in Italia armatori e pescatori quest’anno hanno preferito tirare le reti a secco per facilitarne la riproduzione, pero’ con gravi conseguenze per il reddito di operatori e lavoratori. La sfida di poter riprodurre in cattivita’ il tonno rosso, come si fa per il salmone (solo la Norvegia ne alleva un milione di tonnellate l’anno), e’ stata raccolta da un consorzio formato da 13 organismi pubblici di ricerca e da numerose imprese, che da tre anni stanno lavorando al progetto Selfdott, finanziato dall’Ue con 2,98 milioni, e coordinato dall’Istituto spagnolo di oceanografia (in Spagna e’ il centro di allevamento), che in seguito distribuisce le uova agli istituti collegati. ”Attendiamo tra qualche anno – spiega un esperto Ue – dei risultati concreti sulla possibilita’ di allevare naturalmente il tonno rosso in quanto gia’ nel 2009 i ricercatori sono riusciti a far sviluppare le uova durante 63 giorni ed ora ne abbiamo a disposizione 200 milioni su cui effettuare le ricerche”. La sfida, ha spiegato Maire Geoghegan-quinn, commissaria europea alla ricerca e innovazione, ”e far crescere le risorse alimentari, quindi l’occupazione, ma in modo sostenibile”. Gli esperti puntano il dito contro ”le fattorie del mare dove i tonni pescati e ingrassati con altro piccolo pesce sono fonti – dicono – di inquinamento marino”. Ma dove allevare in futuro gli avannotti di tonno rosso? ”Nei parchi eolici offshore in via di costruzione” rispondono gli esperti Ue, convinti che potrebbe essere quella la soluzione per rilanciare l’acquacoltura europea, evitando di pagare un prezzo esorbitante la fettina di tonno rosso.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.