Tre nuove DOCG e una DOC per il Veneto

“Sono molto orgoglioso che una terra feconda come il Veneto si possa arricchire di sette nuovi vini di eccellenza. Ancora una volta si dimostra la profonda vocazione enologica di questa regione, che contribuisce in modo significativo a tenere alto il prestigio del nostro Made in Italy”.
Così il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Giancarlo Galan, sull’approvazione delle nuove denominazioni d’origine.
Il Comitato nazionale per la tutela e valorizzazione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche tipiche dei vini, che si è riunito a Roma, ha infatti dato il parere favorevole a ben sette richieste per la Regione Veneto: 3 nuove DOCG, una DOC e la modifica dei disciplinari di 3 DOC esistenti.
In particolare sono state approvate due nuove denominazioni d’origine garantita (DOCG) per la zona del Piave del Veneto Orientale e una nel Padovano:
Si tratta della DOCG “Piave Malanotte” o “Malanotte del Piave” che interessa l’omonima zona intorno al comprensorio opitergino, relativa ad un vino di particolare pregio derivante dal vitigno autoctono Raboso. E’ stata poi approvata la DOCG “Lison”, denominazione storica estrapolata dalla DOC “Lison-Pramaggiore”, che insiste nell’area del portogruarese ai confini orientali del Vento.
Per la provincia di Padova è stata approvata la DOCG “Colli Euganei Fiori d’Arancio”, che riguarda la produzione di vini di particolare pregio, nelle tipologie spumante, tranquillo e, passito, derivate tutte dal vitigno “Moscato giallo”, caratteristico della nella fascia collinare dei Colli Euganei.
Sono poi state necessariamente apportate le modifiche ai disciplinari DOC “Piave” , “Lison – Pramaggiore” e “Colli Euganei”, che sono stati stralciati dei vini che sono transitati alla superiore categoria della DOCG.
E’ stata poi approvata la nuova DOC “Venezia” il cui disciplinare prevede alcune tipologie di prodotto varietali, legate a vitigni tipici della zona, nonché le tipologie frizzante e spumante, in particolare nella versione rosato.
Il Veneto ora annovera quindi ben 11 DOCG, confermandosi una delle Regioni più blasonate dal punto di vista enologico, dato che le DOCG rappresentano il massimo livello qualitativo e di immagine e che presentano spiccate caratteristiche.
Le DOC del Veneto raggiungono il numero di 27.
Per essere operativi i predetti disciplinari così come deliberati dal Comitato dovranno essere pubblicati sulla G.U. della Repubblica italiana, per pubblicizzarli e dar modo agli interessati di presentare le eventuali istanze e controdeduzioni al Ministero, che in assenza di istanze o a seguito di valutazione delle stesse, approverà definitivamente con specifici decreti i disciplinari delle citate DOCG, DOC e IGT.

Tags: ,

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.