Turismo: in E-R l’agriturismo continua a crescere, +6,7% nei primi 9 mesi del 2017


Nei primi nove mesi del 2017, le presenze negli agriturismi dell’Emilia Romagna sono aumentate del 6,7% rispetto all’anno precedente. È quanto afferma Coldiretti regionale sulla base dei dati di Terranostra, l’associazione agrituristica di Coldiretti, che ha tenuto oggi un consiglio direttivo per valutare l’andamento dell’anno che si sta per concludere. Dalle analisi di Terranostra, con le festività di Ognissanti e del periodo natalizio, la crescita delle presenze agrituristiche in Emilia Romagna entro la fine dell’anno dovrebbe attestarsi sul 7%.
Secondo Coldiretti, negli agriturismi della nostra regione, un turista su tre (32%) viene dall’estero. Rispetto agli anni precedenti, chi nel 2017 ha scelto le vacanze in campagna si è fermato per un periodo leggermente più lungo, con preferenze per strutture agrituristiche vicino a parchi e aree verdi (in Emilia Romagna ci sono 2 parchi nazionali, 14 regionali, 35 tra oasi e riserve naturali e 16 aree protette), città d’arte e al mare.
L’enogastronomia – informa Coldiretti Emilia Romagna – rimane uno dei traini principali dell’agriturismo emiliano romagnolo, che richiama gli ospiti per la tipicità dell’offerta di menu della tradizione locale e contadina, con prodotti a Km0. Cresce però anche la richiesta di altre attività da svolgere nel verde a contatto con la natura. Le 1.150 aziende agrituristiche dell’Emilia Romagna si stanno attrezzando per rispondere alla nuova domanda. Infatti, se il 65,5% delle strutture offre contemporaneamente alloggio e ristorazione (solo il 18,4% offre solo alloggio e il 15,2% solo ristorazione), già il 64% delle aziende affianca alle attività tradizionali anche altre attività su cui svettano le fattorie didattiche (20,7%), le mountain bike (20,3%) il trekking e i corsi di cucina (19%), seguite da altre attività come l’equitazione, l’escursionismo e sport vari.
Secondo Terranostra la scelta dell’agriturismo è una scelta autonoma, nel senso che l’80% dei turisti prenota direttamente, senza intermediari, passando attraverso la ricerca su siti web come ad esempio www.campagnaamica.it, un forte ruolo nella scelta ce l’ha anche il passaparola.
“L’agriturismo in Emilia Romagna – ha detto il presidente di Terranostra Emilia Romagna, Carlo Pontini – ha avuto un costante trend di crescita non solo nel numero degli esercizi, ma anche nella qualità dell’offerta. L’azienda agrituristica, decentrata rispetto ai grandi agglomerati urbani, sta diventando un elemento importante per andare alla scoperta del territorio, delle sue bellezze e delle sue tipicità, il tutto accompagnato dalla valorizzazione degli aspetti enogastronomici. Per migliorare ed aumentare la multifunzionalità e la qualità delle proprie aziende, Terranostra sta, da un lato, organizzando un corso per agrichef che porrà la massima attenzione sulla valorizzazione dei prodotti del territorio e sulle ricette tradizionali, innovandole sul piano tecnico e di realizzazione; dall’altro, sta cercando di organizzare una rete delle aziende agricole multifunzionali che possano offrire ai nuovi agrituristi risposte specializzate con pacchetti turistici integrati”.
 

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.