Ucraina: Coldiretti, esportazioni agroalimentari salgono 1%

raccolta pere 2Le esportazioni di prodotti agroalimentari italiani in Russia, nonostante le tensioni, sono aumentate ancora dell’1% nel primo quadrimestre del 2014 dopo che lo scorso anno avevano raggiunto la cifra record di 706 milioni di euro messi ora a rischio dall’annuncio di sanzioni. Lo afferma la Coldiretti a proposito degli effetti della decisione della Russia di limitare o bloccare con decreto anche per 1 anno le importazioni agricole dai Paesi che hanno adottato sanzioni contro Mosca in risposta al conflitto in Ucraina. Oltre il 16% del valore delle esportazioni agroalimentari italiane è rappresentato da vini e spumanti, sottolinea la Coldiretti, che dovrebbero essere al riparo dalla scure di Putin dopo che nel 2011 la società Gancia, casa storica per la produzione di spumante, è divenuta di proprietà per il 70% dell’oligarca Rustam Tariko, proprietario della banca e della vodka Russki Standard. A rischio, invece, secondo la Coldiretti, sono ortofrutta per un importo di 72 milioni di euro nel 2013, pasta per 50 milioni di euro in aumento del 20% nel primo quadrimestre e carni per 61 milioni di euro.

Tags:

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.